Sentirsi una star da Red Carpet come le dive del Festival di Venezia

elisabetta-franchi-_-red-carpet-collection-fw-13-14-5

Come ogni anno in laguna fanno parlare di sè quasi più i look delle star che le pellicole presentate durante la kermesse. Qualsiasi donna ha sognato almeno una volta nella vita di sentirsi una diva come le attrici che sfilano sul red carpet davanti ad un’interminabile sequenza di flash ed ora tutto questo diventa realtà grazie alla creatività e all’estro di una delle stiliste italiane più talentuose, Elisabetta Franchi. Celebre per il suo stile elegante e sofisticato per una donna quasi d’altri tempi, il brand ha presentato proprio in occasione della Mostra Cinematografica di Venezia una capsule di abiti da grand soiree, modelli da sogno di assoluta raffinatezza, intramontabili, chiamata proprio “Red Carpet“.

Perfetti per una serata importante ma anche per il ricevimento di nozze più raffinato o addirittura per una sposa non convenzionale, i modelli proposti alternano rasi, voile e chiffon, sottolineando ancora una volta le forme sinuose e la silhouette delle donne che li indossano.
Abiti lunghi dalle linee sofisticate e dal mood ‘celebrity chic’, come firma di assoluta eleganza, enfatizzati da profonde scollature e spacchi irriverenti che svelano provocatoriamente la schiena e le gambe, con morbidi panneggi e raffinate trasparenze di pizzo. Protagonisti i tessuti – carezzevoli al limite del lussurioso come lo chiffon, la duchesse e la seta doppiata– che si abbinano a una palette di colori essenziale e sofisticata, in cui il total black a contrasto con tonalita’ piu’ delicate – cipria e avorio su tutte, e poi ancora cappuccino e water pink – per un risultato da tappeto rosso.

La capsule Red Carpet e’ dedicata a una donna che non rinuncia ad esaltare la sua femminilita’ e a viverla con lo stile piu’ sofisticato e autentico, secondo i codici stilistici di Elisabetta Franchi.

Basterà indossare uno di questi abiti per sentirvi bellissime e pronte per il vostro personale red carpet.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *