“Un matrimonio a sorpresa”: il giorno del sì visto attraverso gli occhi di una bambina

Chi l’avrebbe mai detto che andare a un matrimonio potesse diventare un’occasione divertente? A raccontarlo in un appassionante racconto è la penna di Amy De La Haye, che in un coloratissimo libro per bambini (ma non solo) narra la storia di Clara Button, una creativa bambina invitata a nozze.
Nelle pagine di Un matrimonio a sorpresa edito Donzelli , dalle bellissime illustrazioni, nate dalla penna di Emily Sutton, prende vita una divertente storia che ha il suo inizio proprio con l’arrivo di una inaspettata partecipazione di nozze destinata alla famiglia di Clara.
Dopo il successo del precedente volume Clara Button a Londra, finalista al Premio Andersen 2013 nella categoria Miglior Albo illustrato, ecco una nuova avventura della più simpatica e intraprendente bambina londinese. Continua a leggere

L’altra faccia del Macero: come ti riciclo il matrimonio da un foglio di carta

retro-paper-wedding-cake-topper

Immagine 1 di 6

Wedding Cake Topper: Prodotto da CONCARTA

Organizzare un matrimonio vuol dire solo spendere tanti soldi? No e a dimostrarlo è sì il pullulare di creazioni hand made per il giorno del sì, ma anche progetti importanti come quello appena realizzato da Comieco, il Consorzio Nazionale per il recupero e il riciclo degli imballaggi cellulosici.
Perchè dirsi sì può essere fatto anche rispettando l’ambiente e ingegnandosi con nuovi utilizzi di tutti quei materiali che in apparenza sembrano aver perso ormai qualsiasi funzione.
L’altra faccia del Macero” è quindi una interessante rassegna di applicazioni industriali e artigianali a base di carta e cartone promossa da Comieco, dedicata in questa nuova pubblicazione ad artefatti e decori per feste e ricorrenze, selezionati tra i prodotti più originali sia in Italia che all’estero.
Tra insolite decorazioni natalizie e arredi originali spiccano le proposte eco-sostenibili per il matrimonio che spaziano dalle bomboniere ai decori, dai cake toppers fino agli inviti.
Ovviamente tutti in carta riciclata.

Il bello di sposarsi a Natale? Come sfatare il mito della primavera per il giorno del sì

ecliss_2

Immagine 1 di 5

Gli allestimenti firmati Ecliss

Manca poco più di un mese alla festa più bella dell’anno, quella più attesa dai piccoli e che ogni volta fa tornare bambini i grandi. Già da qualche settimana i negozi sono addobbati con le prime proposte per i regali e le decorazioni ma per chi vive a Milano l’appuntamento più atteso è l’apertura del Christmas Village a pochi passi dal Naviglio.
Negli anni questo spazio è diventato sempre più ricercato ed elegante, proponendo al pubblico milanese e non solo oggetti esclusivi ed originali per rendere la propria casa un piccolo angolo di paradiso in tema natalizio, come nelle più belle favole lette durante l’infanzia o come in quei magici film di Natale che ogni anno ci fanno commuovere.
Tappa fissa del mio peregrinare per i preparativi del Natale, anche quest’anno il flag ship store di Ripa di Porta Ticinese ha riservato non poche sorprese, così come l’altrettanto aspettato spazio dedicato nei Viridea d’Italia.

Al di là degli addobbi e delle decorazioni di entrambi sono stati gli allestimenti scelti che hanno scaturito in me un inaspettato pensiero: ma siamo sicuri che la stagione più bella in cui sposarsi sia la tanto amata primavera? Continua a leggere

Dalla polvere di un sisma al luccichio di una borsa: il sogno di due wedding planners emiliane coraggiose


La storia che sto per raccontarvi quest’oggi inizia un giorno con due esperte di wedding, conosciute ad un incontro per aspiranti organizzatrici di eventi, che all’epoca già sapevano farsi notare per voglia di fare, caparbietà ed energia. Due donne, animate come si poteva vedere dai loro sguardi attenti, pronte a darsi da fare, portando questa loro passione per il giorno del sì anche in un magazine del settore, View Sposa, con voci ed esponenti importanti in fatto di matrimoni.
Questo accadeva un anno e mezzo fa, quando tra le tante persone presenti a quell’incontro, mi si avvicinarono per presentarsi con un accento emiliano inconfondibile e un’intraprendenza riconoscibile al primo sguardo.
Da quell’incontro tante cose sono cambiate o meglio un fatto ha sconvolto le loro vite, portandole su strade differenti.
Quella terra a loro così cara che il 20 e 29 maggio del 2012 inaspettatamente incominciò a tremare sotto i loro piedi, sconvolse non solo le loro case ma le loro stesse vite.
I sogni ed i progetti fatti con fatica e sudore andarono presto in fumo per loro e per tante persone che abitavano nei pressi di Mirandola, in Emilia. Continua a leggere