Fuga romantica nel cuore della Valtellina: un week end per chiederle di sposarti

Ci siamo appena lasciati alle spalle l’estate e già la voglia di montagna si fa sentire. Certo le temperature rigide e le abbondanti nevicate sembrano essere lontane, ma anche in autunno la montagna ha un fascino tutto da scoprire, tra il verde delle montagne e quel cielo limpido di un azzurro intenso.
Cosa di meglio allora di una dolce fuga romantica in Valtellina, una delle mete preferite in fatto di relax, bellezze naturali e qualità delle sue strutture ricettive?
Che sia per una fuga romantica o per un week end a sorpresa per chiederle di sposarvi questo è sicuramente un posto che vi riserverà molte sorprese piacevoli e che sono certa porterete nel cuore.
Ecco qualche consiglio allora per stupire la vostra dolce metà tra lusso, benessere, eccellenze del gusto e molto altro.

Per organizzare un week end perfetto la prima cosa da fare è quella di scegliere una sistemazione adeguata, che risponda alle vostre esigenze, prima fra tutte quelle di un luogo accogliente, bello e di impatto: tutti aggettivi riscontrabili in tanti hotel della Valtellina, uno fra tutti sicuramente l’esclusivissimo Les Fleurs Bleues: due chalet fuori dal paese di Livigno dove è possibile trovare dodici “luxury homes” magiche.
Una vacanza in uno di questi eleganti chalet alpini tra confort e lusso sarà di certo qualcosa capace di lasciare a bocca aperta qualsiasi persona.
Grazie ad una grande cura dei dettagli, dei materiali, e ad un’atmosfera unica questo luogo è certamente l’ideale per essere vissuto insieme alla propria persona speciali.
All’interno degli chalet è anche possibile rilassarsi grazie alla presenza di due sale wellness con attrezzatura sportiva, piscina, sauna e bagno turco. Continua a leggere

I segreti di un abito da sposa? Ve li insegna Alessandra Rinaudo nel corso di Bridal Style

Chi può dire di saper riconoscere senza ombra di dubbio un taffettà da uno chiffon, non solo tra le future spose, ma anche tra aspiranti e spesso anche già affermati professionisti del settore wedding?
E poi su quali fisici cade meglio un modello scultoreo ed uno ad impero? Quali regole seguire per coordinare l’abbigliamento di suocere, mamme e damigelle?
Per rispondere a tutti questi interrogativi è nato un corso, pensato da Komax, società milanese che si occupa della formazione di figure professionali di rilievo nel settore degli eventi, della moda e della comunicazione con docenti illustri e volti noti al grande pubblico.
Sono tante le domande che affollano la mente di una futura sposa alle prese con l’emozionante scelta dell’abito dei suoi sogni e spesso chi le sta vicino non è in grado di dare un parere oggettivo e competente.
L’ultimo nato in casa Komax è proprio “Bridal Style”, un nuovo corso, della durata di una giornata, per chiarire tutti questi dubbi, ma anche per preparare figure professionali capaci di consigliare le spose nella cura della propria immagine in vista del grande evento.

A tenere le lezioni la famosa fashion designer Alessandra Rinaudo, fondatrice di Nicole Spose, creatrice di moltissime collezioni da sogno e volto noto del programma “L’Abito dei Sogni” su Real Time. Continua a leggere

Festival delle Lettere: con Angelo Garini si riscopre il valore dei suoi matrimoni da sogno

Il Festival delle Lettere spegne quest’anno 10 candeline e per festeggiare questo importante traguardo dal 29 settembre al 5 ottobre dedicata nella meravigliosa cornice del Teatro Litta di Milano e non solo una rassegna fatta di importanti appuntamenti da non perdere.
Tema di quest’anno è Lettera a un sogno. Attraverso performance, dibattiti, letture, proiezioni e molto altro si riscoprirà ancora una volta il valore della lettera come forma di racconto per unire persone lontane o diverse tra loro.
Domani, mercoledì 1 ottobre, alle ore 21 appuntamento imperdibile con “Un matrimonio da sogno“, momento importante del festival condotto dall’organizzatore di eventi e matrimoni, Angelo Garini.
Insieme a lui in un talk show vivace importanti nomi del settore: prima fra tutti Giuliana Parabiago, direttrice di Vogue Sposa, seguita da Eugenio Gallavotti, curatore di Elle Spose, Annagemma Lascari, stilista e direttore creativo Schiaparelli Parigi e la psicologa Linda Bergamini. Continua a leggere

“Sono bambina, non una sposa”: dalla Sicilia un forte no insieme ad Onu Italia contro i matrimoni forzati

E’ tutta italiana la nuova campagna per sensibilizzare sul tema delle tantissime , troppe, spose bambine nel mondo.
Proprio in occasione della giornata s sostegno di questa lotta, è stata lanciata la nuova campagna ideata dalla sociologa palermitana Giorgia Butera, con la collaborazione della fotografa e grafica Alessandra Lucca, dell’esperta di Medioriente Valentina Polini e della fotoreporter Federica Simeoli, e sostenuta anche da Onu Italia.
A destare ancor più attenzione su questa grande tragedia la fotografia di Alessandra Lucca che immortala una bimba con fazzoletto biano in testa e bambolotto in braccio. Lo scatto in breve tempo è diventato il simbolo di questa lotta. Una campagna partita dalla Sicilia e da Palermo ma che arriverà a breve in Quatar.

Siamo convinte che il sapere diffuso e condiviso, per quanto riguarda la condizione dei diritti umani negata, possa contribuire a una presa di consapevolezza utile a un fenomeno di cambiamento” ha spiegato la Butera.

Nel 2013 nei Paesi in via di sviluppo una bambina ogni 3 si sposa prima dei 18 anni, 1 su 9 e costretta a sposarsi addirittura prima dei 15. Le bambine prive di istruzione hanno il triplo di probabilità in più di sposarsi prima dei 18 anni rispetto a quelle con livello di istruzione secondario o più alto. Nei 4 Paesi in cui i matrimoni precoci sono più diffusi – Niger, Chad, Bangladesh e Guinea – oltre il 60% delle ragazzine prima dei 18 anni è sposata. Le figlie di madri giovani analfabete hanno la più altra probabilità di abbandonare la scuola, sposarsi giovani e ricadere nella povertà. Una tragedia a cui non si può restare indifferenti e il cui grido si alza proprio dalla nostra Sicilia grazie al lavoro e alla sensibilità di queste quattro donne.

Enzo Miccio raddoppia: dopo gli abiti pensa alle scarpe per la Bridal Collection di Nicole Spose


Credit foto: Michele Dell’Utri Studio

“Ad ogni donna la sua fiaba… un’idea, un immaginario, un sogno che si materializza davanti agli occhi. Linee eleganti, forme sofisticate, tessuti preziosi prendono vita, avvolgendo la silhouette della donna che da principessa si accinge al Grande Giorno
A dire queste parole è l’onnipresente guru del wedding, Enzo Miccio, che, a distanza di pochi mesi dal lancio della sua Bridal Collection per Nicole Spose, raddoppia presentando proprio durante la Milano Fashion Week la sua linea di scarpe per il brand tanto amato dalle spose.
Nell’atelier di Via Montenapoleone infatti giovedì 18 settembre il volto televisivo preferito dalle giovani spose ha presentato insieme ad amici e fan questo suo nuovo successo.
Al suo fianco la padrona di casa, Alessandra Rinaudo, titolare del brand Nicole Spose, oltre ai maggiori rappresentanti dell’editoria di settore in Italia: Giuliana Parabiago, direttore di Vogue Sposa, Rita Rabassi, direttore di White Sposa, oltre ai nomi di punta della testata Elle Sposa. Continua a leggere

George e Amal Oggi Sposi: le anticipazioni dei festeggiamenti appena iniziati

Tre giorni di festeggiamenti in occasione di Amal Alamuddin e George Clooney: il divo holliwoodiano ha infatti scelto di fare le cose in grande nella splendida cornice veneziana.
Poche ore fa i due si sono scambiate le promesse matrimoniali in una cerimonia da favola, seguita da un banchetto e un party molto elegante in cui il gusto italiano la faranno da padroni.

Ecco allora in anteprima qualche dettaglio di una festa in laguna che farà sicuramente parlare di sé per molti giorni, con titoloni sulle testate italiane ed estere e scatti rubati di queste nozze super blindate. Continua a leggere

Matrimonio Canalis-Perri: le immagini esclusive delle nozze firmate da Elisa Mocci

 

Come promesso, ecco per voi le fotografie delle nozze di Elisabetta Canalis con Brian Perri celebrate nella splendida cornice di Alghero.
Ecco allora i dettagli di un matrimonio elegante e raffinato, che ha stupito i suoi ospiti per i tanti rimandi alla tradizione sarda, terra d’origine dell’ex velina.
A curare l’evento la talentuosa Elisa Mocci, wedding planner titolare dell’agenzia Elisa Wedding Dream.
Negli scatti i momenti salienti della giornata, dalla cerimonia in chiesa sino al ricevimento nella suggestiva tenuta di Sella & Mosca; fiori bianchi e decori color oro a dare un tocco di sofisticata eleganza a un matrimonio dove la Sardegna per l’appunto è stata la vera protagonista sia in tavola che nei ricami de Le Pavoncelle.
La serata poi è proseguita con un’atmosfera suggestiva con luce soffusa, una wedding cake caratterizzata da una maestosa cascata di rose bianche e poi un photo boot “lunare”, creato proprio dalla brava wedding planner sarda.

Credit foto: Elisa Mocci

Matrimonio all’italiana e dal gusto retrò per la coppia Clooney-Alamuddin

Si è appena finito di parlare del matrimonio ad Alghero di Elisabetta Canalis, che già tutta la stampa non pensa ad altro che alle nozze di un altro vip che, caso vuole, con l’ex velina di Striscia la notizia in passato aveva avuto a che fare. Mancano infatti solo tre giorni alle nozze in laguna di George Clooney con Amal Alamuddin e non si parla d’altro: la corsa allo scoop è all’ordine del giorno. Tanto si è detto e tanto, tantissimo c’è ancora da dire per via del riserbo assoluto sull’evento. Anche se qualche notizia a spizzichi e bocconi sembra essere riuscita ad uscire.
Finora si era saputo che a pagare le spese per le sontuose nozze tra George Clooney e Amal Alamuddin sarebbero i genitori di lei, secondo l’usanza libanese, oltre a qualche notizia in merito all’abito della sposa firmato Alexander McQueen, come quello di Kate Middleton. Per la location invece c’è certezza assoluta con il ricevimento per circa 60 invitati all’Hotel Cipriani, seguito da un banchetto nuziale il giorno dopo all’Aman Canal Grande Hotel.
Cos’altro dire in più? Giusto qualche voce di corridoio, nulla di più. Continua a leggere