A Milano un fine settimana all’insegna delle nozze

Un week end per inguaribili romantici, per chi crede ancora nel grande sì e per chi tra pochi mesi convolerà a nozze. A Milano infatti il 22 e 23 ottobre saranno due giorni molto speciali: non solo per chi ha deciso di sposarsi e deve ancora organizzare tutto, ma anche per chi pensa che il mondo del wedding possa essere un’occasione professionale importante in cui dare il meglio di sé e specializzarsi.
Partono infatti domani due appuntamenti imperdibili: il primo è Italian Wedding Style, il salone del matrimonio nel cuore di Milano, esattamente a Palazzo Giureconsulti, che proporrà al suo interno alcune delle eccellenze del settore, e il secondo invece è la terza edizione di The Love Affair, una due giorni dedicata a tutto ciò che di creativo ed originale può esserci nel mondo dei matrimoni.


Il primo, ideato da Sara Giovanna Carletti, vuole essere un omaggio all’Italia, mostrando quanto di bello e di eccellente c’è nel nostro Paese anche quando si parla di nozze.
Quattro piani di atmosfere, allestimenti, scenografie, proposte ed eventi per un’esperienza a 360 gradi. A dare il benvenuto ai visitatori ci sarà un’intera area realizzata con la direzione creativa di Elisabetta Cardani, una delle Flower Designer italiane di maggior talento, che negli anni si è distinta per gusto, classe e conoscenza delle materie prime, riuscendo a creare vere e proprie suggestioni emozionali, che non lasciano mai indifferenti, ma che riescono ad esaltare tutta la bellezza della natura, dei colori, e dei materiali. Una vera e propria “stilista del fiore”, tanto da essere stata nominata “Ambasciatore Italian Wedding Style” di questa edizione, proprio per la sua capacità di racchiudere dentro di sé tutte le caratteristiche stilistiche che fanno grande il nostro Paese in fatto di creatività e ricerca del bello.


Tante le tendenze rappresentate dal Salone che certo lasceranno a bocca aperta i visitatori, prima fra tutte l’area “HOME MADE VILLAGE”, all’interno della quale, in una scenografia davvero sorprendente, si animerà un vero e proprio Villaggio dedicato ai prodotti “Made in Italy”.

Ad arricchire il programma della due giorni poi un susseguirsi di sfilate, organizzate al piano terra e nel magnifico Loggiato di Palazzo Giureconsulti con vista Duomo, dove sarà possibile scoprire una scenografia davvero di grande impatto dedicata all’Italia del Sud. Qualche nome? Peter Langner, L’Officina delle fate, Azzurra di Lorenzo e la Boutique milanese di Carlo Pignatelli.


Altri espositori e un altro concept per The Love Affair invece alle Officine del Volo. La giovane wedding planner Cristina di Giovanna infatti per il terzo anno consecutivo sorprenderà per le sue scelte e per i tanti professionisti originali, pieni di idee e con proposte sempre differenti per chi vuole qualcosa di unico e speciale anche e soprattutto nel giorno delle proprie nozze.
Un appuntamento fisso oramai sia per le coppie che si apprestano a sposarsi sia per i tanti professionisti del settore.


La terza edizione vedrà come parola d’ordine la parola Contaminazione. Questo tema farà infatti da padrone in tutti gli allestimenti dei 40 fornitori provenienti da tutte le principali categorie di settore nonché nei tanti workshop che animeranno The Love Affair 2016.
Saranno proprio i laboratori e gli incontri a fare la differenza, sorprendendo il pubblico della manifestazione, tra workshop di calligrafia, di tipografia tenuti dalle bravissime ragazze di Letterink e di flower design. Qui il programma completo.


Ma l’agenda milanese di questo week end non finisce qui in fatto di wedding. Domenica infatti verrà inaugurato un nuovissimo atelier in Via Marghera, 24. Si tratta del brand francese Pronuptia che finalmente sbarca nella città meneghina.
Infine per chi vuole fare del matrimonio il proprio mestiere, diventando un wedding planner questo fine settimana si terrà la nuova edizione del corso Become a wedding planner di Komax. Tantissimi docenti illustri e anche il mio intervento domani alle 14.
L’imbarazzo della scelta insomma!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *