Tutti pazzi per Frida Kahlo: la moda riscopre il suo fascino

Ti meriti un amore che ti voglia
spettinata,
con tutto e le ragioni che ti fanno
alzare in fretta,
con tutto e i demoni che non ti
lasciano dormire.
Ti meriti un amore che ti faccia
sentire sicura,
in grado di mangiarsi il mondo
quando cammina accanto a te,
che senta che i tuoi abbracci sono
perfetti per la sua pelle.

Ti meriti un amore che voglia ballare
con te,
che trovi il paradiso ogni volta che
guarda nei tuoi occhi,
che non si annoi mai di leggere le
tue espressioni.

Ti meriti un amore che ti ascolti
quando canti,
che ti appoggi quando fai la ridicola,
che rispetti il tuo essere libera,
che ti accompagni nel tuo volo,
che non abbia paura di cadere.

Ti meriti un amore che ti spazzi via le
bugie
che ti porti il sogno,
il caffè
e la poesia.

– Frida Kahlo

Una dichiarazione d’amore unica, passionale, piena di sentimento, di vita, di amore, proprio come era la sua autrice. Una donna a tinte forti, senza sfumature, con un carattere deciso e definito, che ha affrontato l’esistenza di petto, senza nulla che l’addolcisse.
Frida Kahlo era ed è tutt’oggi un’icona per tutti noi, simbolo di una femminilità consapevole, audace, rivoluzionaria, controcorrente.
E così a distanza di anni e anni la sua figura appassiona milioni di donne che si ispirano a lei, la riscoprono, cercano di imitarne le peculiarità.

Quest’anno la moda ha deciso di reinterpretare Freeda portandola sulle passerelle e così sono tante, tantissime
le donne che anche per il giorno del sì scelgono di ispirarsi a lei, dall’abito da sposa, sino a quello delle invitate o all’allestimento del ricevimento. Le spose che optano per un matrimonio con un mood ispirato a Freeda Kahlo sono esse stesse donne forti, decise, che amano i colori, che sanno osare e che hanno consapevolezza di sé.

Simone Marulli, talentuoso fashion designer che si è fatto conoscere per le sue collezioni di tendenza dai tessuti ricercati e di ispirazione cosmopolita, per esempio quest’anno ha proposto una linea dedicata alla pittrice messicana.

Una capsule di 17 capi con dettagli di colore rosso caldo che ricordano le frasi sull’amore che Frida Kahlo amava declamare, pizzi macrame, rebrodè e impalpabili chantilly francesi, pizzi grezzi, naturali e semplici senza ricami. Un ritorno insomma alla sensualità e alla pulizia di capi artigianali e su misura dove si può notare la minuziosa attenzione ai dettagli per una sposa che sicuramente si vuole sentire anticonvenzionale.

Certo se invece si è semplici invitate ad un matrimonio con questo mood o anche damigelle si può osare di più con colori, fantasie e stampe in perfetto stile messicano.

Ecco che la stilista Giada Curti, apprezzata per il suo gusto e per la sua visione iperfemminile ed elegante della donna, ha dedicato un’intera collezione a Frida Kahlo.
Abiti in perfetto stile etnico-bohemien dalle tinte sgargianti, che osano e illuminano, pizzi rebrodè e decori con motivi floreali e rigati.

E’ una palette di colori che spazia dal bianco al rosso, dal giallo di tendenza all’azzurro. Ma per le damigelle e non solo è l’iconica gonna di Giada Curti a farla da padrone rendendo iperfemminile qualsiasi donna che la indossi, ancor più se accompagnata dal top con il volto della pittrice e poetessa messicana.

Conquistano ogni donna questi capi e infatti tante celebrities sono state contagiate dalla Frida Kahlo mania come Laura Pausini e la sua bambina.

Ma al di là degli abiti sono tante, tantissime le ispirazioni per chi ama Frida, a partire dalle acconciature che vengono arricchite da composizioni floreali importanti, scegliendo fiori di grosse dimensioni e dai colori accesi, o che prediligono lunghe trecce a incorniciare il volto.

Per gli allestimenti via libera a tonalità forti, a rossi rubino, magari realizzati all’interno di qualche masseria pugliese, che tanto richiama quel fascino messicano, dal sapore antico, ancestrale, fatto di tradizioni e di natura.
Per chi vuole lasciarsi ispirare ancora un po’ a Milano dal 1 febbraio al 3 giugno è in programma una mostra evento che celebra la figura di questa donna straordinaria, facendone scoprire lati nascosti e inediti.
E’ infatti il MUDEC-Museo delle Culture di Milano celebra Frida Kahlo (1907 – 1954) a organizzare un’ampia retrospettiva, intercettando un vero e proprio trend, la Frida Kahlo mania. E voi ne siete appassionate? Io ovviamente sì.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *