Barbie alla conquista di Milano in abito da sposa tra collezionisti, fashion show e raccolte fondi

Un appuntamento quello di sabato prossimo segnato in agenda con mesi di anticipo dai tantissimi collezionisti che da ogni parte del mondo accorrono per lei. Per chi? Per Barbie, la bambola più famosa al mondo, l’icona di stile, ma anche dei tempi che cambiano, delle mode, delle conquiste, delle battaglie fatte dalle donne e incarnate da questo oggetto del desiderio, prima di bambini ma poi sempre più di grandi appassionati.

Si svolgerà a Milano infatti il prossimo week end la l’Italian Doll Convention, arrivata alla sua settima edizione, che rappresenta un evento imperdibile per collezionisti italiani ed europei.
Il tema di quest’anno? Il mondo del wedding!
Nonostante Barbie non si sia mai effettivamente sposata ha avuto modo di indossare negli anni decine e decine di abiti da sposa, ispirando e ispirandosi alle grandi maison del mondo e come sempre lanciando anche dei veri e propri trend.
All’interno dell’Hotel Melià di Milano sabato 13 e domenica 14 quindi si incontreranno oltre 250 appassionati provenienti da tutto il mondo per un evento unico, tra fashion show, una cena di gala segretissima a tema proprio wedding e poi una mostra e tanto tanto altro ancora. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Single è bello e allora si va persino all’altare: Narciso si sposa e dà una lezione a Jane Austen

Lontani, lontanissimi i tempi dell’amatissima Lizzy di Orgoglio e Pregiudizio che affermava con decisione “Solo il vero amore potrà condurmi al matrimonio, ragion per cui morirò zitella“, ora che l’essere single non solo è bello, elogiato da libri, ricerche e addirittura convegni, ma è anche il motivo per cui andare con orgoglio all’altare con se stessi.
Sì perché in una società che sembra credere sempre meno nell’istituzione del matrimonio ecco che c’è chi mette in piedi delle vere e proprie nozze per rivendicare il diritto di essere single (neanche ai giorni nostri ce ne fosse bisogno).
A sposarsi con sé stesso come il più moderno dei Narcisi ci ha pensato Nello Ruggiero, parrucchiere quarantenne di Sant’Antonio Abate, un piccolo paese del napoletano. Una scelta che personalmente non mi ha molto convinta: un’operazione per farsi pubblicità? un’occasione per fare pubblicità ad una delle location di matrimoni più chiacchierate del momento, la mediatica “Sonrisa”, il castello de “Il Boss delle cerimonie”? Chissà, poco importa. The show must go on. Resta il fatto che il matrimonio con sé stesso è andato in scena (per dirla tutta anche in onda su Real Time qualche giorno fa).

Lo sposo ha affermato di aver voluto compiere questo gesto plateale per certificare “la convinzione che non potrò mai amare nessuno quanto amo me stesso. Anzi amare se stessi è la cosa più bella che possa capitare a un essere umano: solo così si può raggiungere infatti la propria tranquillità interiore”.

Nello Ruggiero sostiene che si sarebbe sposato anche senza le telecamere e che a spingerlo sarebbe stato l’amore che prova per i propri genitori “L’ho fatto soprattutto per loro, Paolo e Maddalena, che sono anziani. Ero l’unico celibe di cinque figli, volevo dimostrare loro che sto bene così. Mi completo da solo. Come l’hanno presa? Benissimo”. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

La Bridal Week conquista Barcellona: per Pronovias tante celebrities, abiti da sogno e persino gli angeli di Victoria’s Secret

Si spegneranno domani i riflettori sulla 27esima edizione della Barcelona Bridal Fashion Week, un appuntamento ormai imperdibile per buyer provenienti da tutto il mondo, giornalisti, blogger e influencer che dalle passerelle spagnole scoprono le nuove tendenze in fatto di abiti da sposa e da cerimonia. Un’edizione annunciata come eccezionale e che sembra proprio aver convinto tutti per il ricco calendario di sfilate, la presentazione di oltre 300 brand del settore, il 65% dei quali internazionali.

Ad aprire la kermesse ci ha pensato l’amatissimo brand Rosa Clará, per poi passare il testimone sulla passerelle a nomi come St. Patrick Studio, Jesús Peiró, Cristina Tamborero, Sophie et voilà Collection, YolanCris, Isabel Sanchís, Inmaculada García, Ángel Sánchez, Marylise & Rembo Styling, Isabel Zapardiez, Ana Torres, Raimon Bundó (che festeggia in questa occasione il suo 50° anniversario), Jordi Dalmau e Matilde Cano, Marco & María, Galia Lahav, Cymbeline, Ramón Sanjurjo, Carla Ruiz, Sonia Peña fino ad arrivare a Morilee Madeline Gardner e Demetrios, due aziende nordamericane anch’esse al loro debutto alla BBFW. A chiudere la manifestazione il vero e proprio show, attesissimo da tutti, di Pronovias, che ieri sera ha incantato i presenti e tutti coloro che hanno potuto in streaming essere spettatori di una collezione romantica e da sogno. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Un “Ti amo” che viaggia nel futuro: le capsule del tempo di Antonio Spanedda

Abbiamo imparato a conoscere le “capsule del tempo”, queste sconosciute, grazie per lo più ai film di Hollywood. Ricordo quello di Nicolas Cage che profetizzava un futuro incerto e oscuro.
Personalmente hanno sempre destato un grande interesse perché si tratta di un vero testamento di emozioni, sentimenti e fatti, oltre che di una testimonianza emozionante a un qualcuno che un giorno scoprirà sul suo cammino quel pezzo di passato arrivato da lontano.
Ecco da qui l’idea di Antonio Spanedda, il fondatore del progetto IOTIAMO, insieme all’associazione culturale ACC (Associazione Culturale Creativa), che ha realizzato “la Capsula del Tempo” per coloro che desiderano viaggiare nel futuro, diventando attori protagonisti oltre che futuri spettatori. Oggetto di queste capsule i sentimenti. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Sfila a Roma Nicole spose con una serata evento tra premi, la nuova madrina Rocio Munoz Morales, tanti vip e io a presentare


Ad un anno di distanza dal grande evento organizzato in Laguna da Nicole Spose, torna l’imperdibile appuntamento del brand di Alessandra Rinaudo, che quest’anno promette di essere davvero unico.
Il 25 marzo andrà in scena infatti una grande serata evento della maison che questa volta torna a Roma per presentare le sue nuove collezioni.The Neverending Story, questo il titolo della sera, dove il protagonista sarà l’atteso fashion show che svelerà la collezione 2018 di Nicole Spose: 1500 ospiti internazionali tra celebrity, blogger e influencer, buyers, attori, modelle, star del piccolo schermo. Tanti i nomi importanti dello spettacolo tra cui Riccardo Scamarcio, Giulio Berruti e Maria Grazia Cucinotta. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Il wedding planner: dai banchi di scuola una professione che è una possibilità concreta di lavoro per giovani e non solo

Periodicamente insegno come docente alla scuola Komax all’interno del corso di formazione per figure professionali legate al settore del wedding “Become a wedding planner“.
E’ una meravigliosa occasione per conoscere chi vuole scommettere su questa professione, ritenendola prima di tutto bella, interessante e stimolante, ma anche una valida opportunità lavorativa.
Fino a qualche anno fa il lavoro del wedding planner in Italia non era conosciuto, ma ora che invece ha preso sempre più piede sono in tantissimi a volersi creare uno spazio lavorativo in un settore in continua crescita, che dà la possibilità di affermarsi se alla base c’è professionalità, serietà e competenza.
Tutt’altro che un mestiere semplice, come invece qualcuno ancora pensa: sì perché sono tantissime le doti e le conoscenze che una figura come quella del wedding planner deve racchiudere in sè.
I grandi nomi del settore che in questi anni si sono imposti nel mercato italiano e non solo infatti hanno dimostrato di avere una preparazione a 360 gradi, una visione completa di una professione che dà tanto sì, ma che richiede sacrificio, dedizione, passione e pazienza. Angelo Garini, Enzo Miccio, Giorgia Fantin Borghi, Andrea Naar Alba, Elisa Mocci, Vincenzo Dascanio e tanti altri hanno infatti creduto in sé stessi, nel loro modo di vedere un evento e di realizzarlo come fosse un sogno. Dietro a tutto questo però ci hanno messo sacrificio, talento, dedizione, aggiornamento costante, pazienza e tanto tanto altro.

Per questo quando incontro i ragazzi e le ragazze, le donne e gli uomini che frequentano il corso racconto quanto sia bello questo lavoro, citando i casi di successo dei nomi che ho appena fatto, ma dico anche che in un settore che è stato preso d’assalto in questi anni come quello del wedding la competizione è altissima, i numeri di chi vuole fare il wedding planner sono enormi e quindi bisogna davvero avere una grande forza di volontà.
Ho chiesto quindi proprio a loro, ai corsisti dell’ultima edizione di Become a wedding planner, di raccontarsi, di dirmi chi sono, cosa sperano di trovare in questo settore, quali sono le loro paure e i loro sogni. Ecco alcune delle loro storie, che dicono molto, moltissimo. C’è chi ha appena finito gli studi, chi vuole lasciare il posto fisso per buttarsi in questa avventura, chi è stato conquistato dal sogno mediatico del wedding planner e chi già lavora nel settore ma vuole farlo diventare qualcosa di più importante. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Oscar 2017, sul red carpet qualche idea da copiare per l’outfit delle nozze e tanto Made in Italy

Notte degli Oscar come sempre attesissima più per gli outfit sul red carpet che per le premiazioni, che però quest’anno non sono certo passate inosservate con l’errore sull’assegnazione del premio più ambito, proprio quello del miglior film in gara. Ma tra questo coup de theatre che passerà alla storia, la cascata di premi al film più chiacchierato “La la land” e la polemica sull’abito non indossato da Meryl Streep e firmato da Karl Lagerfeld, sicuramente a far parlare sono stati i look in passerella di dive più o meno famose, che hanno sfoggiato abiti meravigliosi, elegantissimi e qualche volta improbabili. A farla da padrone è stato il Made in Italy scelto come sempre più accade dalle star di Hollywood: da Armani ad Alberta Ferretti, da Gucci a Francesco Paolo Salerno sono questi e molti altri i nomi degli stilisti italiani che hanno avuto il piacere di rendere ancora più belle le attrici americane alla notte degli Oscar.

Abiti importanti, ricchi di decorazioni e strascichi impegnativi, ma come la moda ci ha insegnato possono essere lo spunto per qualche idea di tendenza da copiare per un evento importante come l’invito ad un matrimonio o le proprie nozze.
Vediamo allora cosa possiamo copiare da questa edizione 2017. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Con Enzo Miccio il matrimonio diventa davvero un “Wedding Party”: l’intervista sul libro, le sue spose e…

 

Enzo Miccio arriva in libreria con un nuovo libro “Wedding Party”; un luogo viaggio con una sola meta: i matrimoni da sogno.
Tradizione e modernità, progetti scenografici di rara bellezza e abiti da sogno, dettagli raffinati e preziosi, tenute in campagna e ville al mare con viste mozzafiato, atmosfere country e cittadine, location fiabesche all’interno di magici castelli e borghi medievali, pranzi alla luce del sole e festeggiamenti serali sotto le stelle, arredi floreali e giochi di luce, buffet regali e feste danzanti…
Enzo, con il suo inconfondibile stile e la sua innata eleganza, presenta i più bei matrimoni mai organizzati, dove ogni particolare: dalla scelta delle location alle scenografie floreali, dagli arredi al design della tavola, dalla colonna sonora alla progettazione delle luci fino al gran finale del wedding cake – concorre a creare un evento unico ed irripetibile. Ce lo ha raccontato a pochi giorni dalla presentazione milanese che si terrà il 22 novembre al Mondadori Store di Piazza Duomo. L’evento sarà moderato dall’avvocato Annamaria Bernardini de Pace e da me. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page