Nuove tendenze: la moda sartoriale arriva a casa tua e nasce l’atelier a domicilio

In un anno le nostre abitudini personali, sociali e culturali sono state stravolte dalla pandemia e dalle restrizioni che essa ha portato con sè. Abbiamo imparato a fare la spesa online dai supermercati così come dai piccoli produttori, abbiamo riscoperto la nostra casa, vivendola molte più ore del solito, e adattandola così alle nostre nuove esigenze, ma abbiamo anche scelto di acquistare prodotti di bellezza, giochi, libri, e persino abiti e accessori online attraverso gli store online dei nostri negozi preferiti, che si sono attrezzati per avere sul web i propri articoli, non potendoci accogliere di persona.
La capacità di modificarsi, cambiare e innovarsi è stata centrale in questi mesi per tante, tantissime aziende che altrimenti avrebbero dovuto fare i conti con grande difficoltà a questo periodo.
Basti pensare a come le grandi case di moda hanno dovuto ripensare le proprie sfilate, il proprio modo di raccontare le collezioni e di arrivare al pubblico di sempre.
C’è chi però ha fatto di più, intercettando nuovi trend nel mondo della moda per arrivare ai propri clienti con le proprie collezioni, il proprio stile e la propria filosofia. Una di queste realtà è senz’altro Atelier Kore, che grazie alla sua fashion designer Chiara Vitale, ha analizzato la situazione attuale, arrivando a proporre un modo nuovo di intendere oggi la shopping experience. Continua a leggere

Atelier Emé e gli appuntamenti virtuali per le sue spose: l’abito si sceglie con la Bridal Assistant

Quello che nell’ultimo anno le aziende italiane sono state chiamate a fare è di guardare avanti, nonostante tutto, innovarsi e trovare nuovi modi per arrivare ai propri clienti.
E’ infatti cambiata l’esperienza di acquisto così come quella di vendita e tutti i settori sono stati travolti da una vera e propria rivoluzione, che inevitabilmente ha portato anche a un’accelerazione della digitalizzazione.
Ecco allora che anche per l’abito del grande giorno è necessario ripensare a come una sposa può sceglierlo, senza rinunciare ai propri desideri e alle proprie esigenze.
Un po’ per l’obbligo di tenere i negozi chiusi per lunghi periodi, un po’ perchè le nostre abitudini sono radicalmente cambiate, un po’ perchè, quando aperti, gli atelier devono seguire rigidi protocolli di panificazione e di contenimento delle persone presenti in negozio… è diventato indispensabile cambiare e innovarsi.
E’ così allora che un’azienda come Atelier Emé ha pensato di stare al fianco delle proprie spose, offrendo un modo diverso di scegliere il proprio abito dei sogni, lasciando però immutata la qualità del servizio e le principali caratteristiche del suo modo di arrivare al cuore delle clienti. Continua a leggere

E’ Bridgerton mania: la moda del 2021 riscopre il romanticismo dell’era Regency

Sono poche ormai le persone che non hanno ancora visto la serie evento Bridgerton che proprio durante le feste natalizie ha tenuto incollate a Netflix donne ma non solo appassionate dalla storia romantica di Julia Quiin (oltre che del protagonista maschile interpretato da Regé-Jean Page).
Il segreto del successo di Bridgerton? Sicuramente la storia d’amore piena di passione tra Daphne e il Duca di Hastings, ma soprattutto i costumi indossati nel corso delle puntate che hanno fatto gridare immediatamente esperti di moda e non alla Bridgerton mania.
Eh sì perchè per il 2021 la tendenza sarà quella di ispirarsi allo stile squisitamente romantico visto nella serie, riuscendo però a renderlo attuale.

A realizzare i costumi della serie è stata un’equipe di costumiste capitanata dalla newyorkese Ellen Mirojnick, che già si era occupata di vestire gli attori di capolavori come The Greatest Showman e Maleficent. Per le otto puntate sono stati realizzati 7500 costumi diversi, più tutti gli accessori dell’epoca, riservando una scelta di 104 abiti alla sola protagonista Daphne.

Per il look di quest’ultima è impossibile non riconoscere l’inconfondibile Audrey Style, studiato minuziosamente da Marc Pilcher, ispirandosi alla pellicola Guerra e Pace nella versione interpretata da Audrey Hepburn. La palette nei toni dell’azzurro usata per lei infatti strizza l’occhio agli anni Sessanta, donando alla protagonista un allure naturale, fresco e delizioso.

Insomma il lavoro dietro alla creazione dei costumi è stato incredibile e i frutti si stanno già raccogliendo. E’ infatti bastato guardare le prime puntate per innamorarsi dello stile Regency proposto dalla Mirojnick che ha in un certo senso reinventato la moda ottocentesca, rifacendosi ad un’epoca più contemporanea. Sulla base quindi del periodo Regency, partendo quindi da gonne lunghe, corsetti e acconciature piene di boccoli, si è arrivati a creare modelli che strizzano l’occhio agli anni ’60 soprattutto attraverso la scelta della palette cromatica: colori vivaci e tinte pastello che hanno subito conquistato le spettatrici. Continua a leggere

Atelier Emé al fianco di The Maptique per le sue spose con quattro Lab creativi

Atelier Emé anche in un anno tanto particolare come questo non ha mai smesso di far sentire la propria presenza e vicinanza alla propria community. Tra le tante iniziative nel corso di questi mesi ha organizzato diversi appuntamenti digitali, ultimo di questi il lancio della collezione Sposa 2021 in diretta streaming con il direttore creativo Raffaella Fusetti.

Così con l’arrivo del Natale Atelier Emé ha pensato di coinvolgere le proprie future spose in una serie di 4 appuntamenti, molto speciali, organizzati insieme a The Maptique, per ispirare le proprie spose in attesa del giorno del matrimonio.

Il format molto particolare di questi Lab è stato ideato da Agnese e Paola, le co-founder di The Maptique, boutique agency specializzata in strategie digitali legate al settore del travel, pensati per ingaggiare la community offrendo un servizio creativo ed originale che unisce il mondo offline con quello online.

A partire dal 26 novembre ha preso il via quindi questa speciale iniziativa digitale con cadenza settimanale.

A chiudere questa iniziativa speciale il 17 dicembre si potrà partecipare all’ultimo evento pensato sia per le spose che per le invitate che potranno creare e personalizzare la propria mini bag con La Milanesa, brand di borse ideato da Cinzia Macchi.
All’interno della special box inviata alle iscritte ci saranno la bag realizzata esclusivamente per il LAB con i tessuti di scarto di Atelier Emé e piume per la personalizzazione.

Per partecipare basta iscriversi gratuitamente al Lab.

Le partecipanti riceveranno così a casa qualche giorno prima una special box contenente uno special kit con tutto il necessario per partecipare al lab al quale si sono iscritte e che potranno seguire online attraverso la piattaforma ZOOM.

I precedenti appuntamenti hanno visto la partecipazione di: FaceUp, specializzato in tecniche innovative per allenare la muscolatura facciale e migliorare la texture della pelle, con il quale le partecipanti hanno eseguito una sessione di Face Yoga; Carlotta Varrenti, illustratrice dietro Eau de Papier, che ha mostrato come creare meravigliosi biglietti e segnaposto con gli acquerelli e infine Design Anarchy Studio, che ha spiegato come realizzare il proprio
moodboard per l’evento.

Must Have Km0: il Made in Italy che sostiene l’intera filiera della moda dal produttore al consumatore

Mai come prima è il momento di sostenere il nostro Made in Italy scegliendo attraverso i nostri acquisti prodotti italiani, frutto del lavoro, della maestria e della qualità del nostro Paese.
Con l’avvicinarsi poi del Natale è fondamentale non solo comprare italiano, ma farlo nei negozi, nelle realtà delle nostre città, capaci di offrire competenze, conoscenze e valore umano fondamentali per la nostra società, per preservarne i posti di lavoro e per garantirne continuità nel nostro tessuto sociale. Perchè non è solo un abito quello che si acquista, ma il frutto di una filiera che parte dal produttore e arriva sino al consumatore.
Ad aver intuito l’importanza di questo legame e ad essere riusciti a valorizzarlo è sicuramente Vania Sommariva, una imprenditrice innamorata della moda che ha dato vita a Must Have Km0.

Vania ha infatti progettato un nuovo concept, che racchiude i punti fondamentali della sua lunga esperienza nel segmento moda luxury: passione, esperienza e raffinato gusto estetico. Project Leader del brand e allo stesso tempo Fashion Consulting per altri marchi, vanta una profonda esperienza in qualità di Manager presso griffe leader del settore, tra le quali “Maison Valentino”.

Partendo dalle sue competenze e dalla passione per lo stile e la moda Vania ha così dato vita a Must Have Km0, non un semplice atelier ma molto altro. In Viale Montenero infatti sorge questo negozio davvero speciale, una boutique du tendenze, dove trovare pezzi unici, capaci di far sentire speciale ogni donna di un allure raffinato e senza tempo.
Entrare qui insomma è immergersi in un’esperienza unica di shopping, dove tra limoni, mele e peperoncini si nascondono abiti da sogno, maglie in cachemire e bijoux preziosi.
L’allestimento del negozio infatti rende omaggio al settore agricolo da cui “prende in prestito” il modello produttivo a km 0. I capi sono tutti pezzi esclusivi, di alta qualità, confezionati in piccoli laboratori artigianali limitrofi a Milano secondo il modello di produzione a filiera corta.
Ma per capire davvero cos’è Must Have Km0 la cosa migliore è farselo raccontare dalla sua protagonista, una donna speciale ed elegante che rende ogni giorno le milanesi (e non solo) donne raffinate e bellissime. Continua a leggere

Venezia 77: Nicole Cavallo illumina il red carpet con una creazione di Nicole Milano

Quando l’anno scorso ha calcato il Red Carpet della Mostra del Cinema di Venezia, Nicole Cavallo, talento italiano della moda sposa e non solo, a capo del brand Nicole Milano, lo ha fatto con un abito da sogno e squisitamente romantico, che ha immediatamente conquistato spose e followers che lo hanno poi voluto per il proprio giorno del sì. Con la sua innata spontaneità, con quel garbo fresco ed efficace che arriva tutti, Nicole Cavallo ha conquistato tutti, sfilando sul tappeto rosso in un momento della sua carriera decisamente importante.

Oggi a distanza di un anno tante cose sono successe nella vita di Nicole così come nel mondo. E così in una Mostra del Cinema decisamente diversa ha scelto di tornare a Venezia con la stessa grinta, passione e determinazione ma con un look totalmente diverso.
Così come una vera giovane donna del suo tempo infatti Nicole ha scelto di esserci e di farlo mostrando sé stessa, ma anche la visione di un’azienda come Nicole Milano che guarda sempre al futuro, che sa capire le donne e quello che vogliono, che prende spunto dal mondo incantato dei matrimoni sì ma che lo fa con modernità, glamour e audacia.
E così, come del resto ci si aspettava, Nicole ha illuminato il Red Carpet. Complice un abito meraviglioso, ma anche grazie a quella sua personalità forte, pulita e naturalmente elegante (ereditata certamente anche da mamma Alessandra Rinaudo e da papà Carlo Cavallo).
A poche ore dal suo photocall ecco allora qualche battuta scambiata con lei, artefice del suo successo e di un sogno, quello di Nicole Milano, che sta continuando negli anni, rinnovandosi e trovando sempre nuova energia e passione. Inutile dirlo poi, si preannuncia un autunno pieno di sorprese per Nicole Milano! Continua a leggere

Atelier Kore: l’eccellenza del Made in Italy, la qualità sartoriale e lo sguardo sempre rivolto al futuro

E’ stata una stagione strana per tutti noi e per chi lavora nel settore moda ancora di più. Una primavera che pare non esserci stata, tutti chiusi in casa senza poter sfoggiare quella tavolozza di colori pastello e quelle fantasie floreali che da mesi sapevamo sarebbero stati i trend di stagione. E invece le creazioni di migliaia di designer, stilisti e artigiani sono rimaste chiuse nei magazzini o dietro alle vetrine, in attesa che tornasse il sereno. Ora che finalmente si può parlare di estate c’è voglia di tornare alla vita, di recuperare il tempo perduto e di indossare qualcosa di nuovo, ancor meglio se frutto della creatività e della sapiente arte dei grandi professionisti italiani che da sempre sanno fare le cose meglio degli altri quando si parla di moda.
E’ un monito che da settimane noi giornalisti facciamo nostro, che ripetiamo con orgoglio, cercando di far sentire quel senso patriottico dell’orgoglio italiano, che passo anche dalla scelta di un vestito o di una borsa. Perché l’Italia si sostiene così, attraverso il lavoro dei suoi cittadini, spesso messi da parte per prediligere il risparmio, la fast fashion, qualcosa di accessibile che in realtà non ha un’anima e nemmeno tutta quella storia, quella maestria e quella ricerca che da generazioni il nostro popolo fa suo ed esprime in una borsa di pelle, in una camicia di seta, in una scarpa artigianale o in un abito da sera ricamato.
Forse sarà la volta davvero che invece di acquistare 5 costumi da bagno a poco prezzo, consce che non arriveranno alla prossima stagione, ne sceglieremo uno solo, ma realizzato con materiali di qualità, con le cuciture che non si smollano e quelle applicazioni rifinite in ogni dettaglio. Continua a leggere

Nicole Milano riparte dall’Italia e svela la sua collezione che omaggia il Paese

Nicole Milano si lascia alle spalle i mesi di lockdown e riparte alla grande con un nuovo logo, una collezione strepitosa e una conferenza stampa digital per far conoscere tutte le sue novità.

Pochi giorni fa infatti è stata presentata alla stampa e poi pubblicata sul sito del brand (potete vederla a questo link) la nuova collezione “From Italy To Nicole” la cui direzione artistica è stata guidata dalla nuova Creative Director Nicole Cavallo. La giovane stilista di cui spesso vi ho parlato per le doti creative e per lo straordinario percorso professionale di questa figlia d’arte di indiscusso talento, ha mantenuto la tradizione sartoriale e l’eleganza italiana che contraddistinguono il brand, arricchendo però le collezioni con una visione innovativa e contemporanea. Il risultato è una sposa giovane e romantica, intrisa di quell’eleganza tipica dell’italian style, vanto per tutti noi e apprezzato in tutto il mondo.
Nicole Cavallo ha fatto centro e ha così conferito a Nicole Milano il suo imprinting di millennial che trova ispirazione dalle proprie radici, con uno sguardo proiettato al futuro. Continua a leggere