Week end romantico a Venezia, meglio ancora se a Carnevale

Poche esperienze sono uniche come un viaggio a Venezia: la Laguna, gli scorci nascosti che solo passeggiando tra le calli si scoprono lasciando a bocca aperta, le antiche botteghe, il romanticismo delle gondole, la maestosità di Piazza San Marco… C’è qualcosa però di ancora più speciale in Venezia ed è viverla nei giorni di festa del Carnevale. Per rendersene conto non basterà guardare qualche filmato in tv o qualche fotografia alle tante maschere che la animano. Per capire il Carnevale di Venezia è necessario viverlo. In prima persona, mettendoci la faccia, pardon la maschera.
Solo osservando questa straordinaria città, i suoi abitanti, le sue tradizioni e le sue atmosfere attraverso le fessure di una maschera si percepirà la magia. Non vi è nulla di simile al mondo ed è per questo che da ogni parte del globo arrivano qui in Laguna ogni anno turisti incuriositi e pronti a lasciarsi trasportare dalla festa, dai travestimenti, dalla storia.

A Venezia infatti il Carnevale è un salto nel passato, nelle usanze e nei costumi che di generazione in generazione i veneziani (non tutti ahimè) preservano con amore, dedizione e cura.  Il Carnevale di Venezia dovrebbe essere considerato Patrimonio Culturale dell’Umanità, proprio come la sua città.
Come capire quello di cui vi sto parlando? Andando a Venezia.
Ecco quindi alcuni consigli su come immergervi in quella che senz’altro sarà un’esperienza unica, il cui ricordo rimarrà nei vostri cuori per sempre. E poi manca una settimana alla festa degli innamorati e quindi perché non unire entrambe le occasioni per trascorrere un week end magico? Continua a leggere

Sposa a Carnevale? Divertente e colorata ecco la proposta per un matrimonio originale al Swiss Corner di Milano

0128md

Sabato scorso nel nuovo spazio Swiss Corner di Piazza Cavour a Milano è andata in scena una sposa diversa dal solito, una sposa che sa divertirsi ed essere anticonvenzionale. A proporla Domo Adami che ha saputo interpretare una delle feste più goliardiche in chiave wedding.
Nel corso della serata W Party Time organizzata appunto da Domo Adami, Sartoria della Musica, Michele Dell’Utri e Oggi Sposi – La rivista, le coppie di futuri sposi intervenuti hanno potuto vivere l’atmosfera coinvolgente e scanzonata del carnevale pur scoprendo proposte relative al giorno del sì ma in una chiave tutta nuova.
Ecco allora grande spazio al colore: l’abito da sposa diventa una tavolozza variegata di sfumature tenui ed accese allo stesso tempo. Un vestito di seta scivolato sul corpo della sposa sembra diventare una vera e propria tela dove il “pittore- stilista” Mauro Adami ha saputo sapientemente accostare le nuance più diverse. Continua a leggere

Carnevale 2013: Venezia si riconferma il cuore della festività tra mondanità, tradizione e sentimento

089ppfoto-m-toffolo-r

E’ risaputa la bellezza e l’allure del carnevale di Venezia, turisti da ogni capo del mondo accorrono in laguna in questo periodo per vivere un’esperienza indimenticabile, un sogno, un’evasione dalla realtà. Perchè è proprio per questo motivo che è nato il carnevale qui: dare al popolo un periodo di svago e goliardia prima della Quaresima in cui si potesse scherzare, andare oltre le rigide norme morali dell’epoca il tutto celati da una maschera che non lasciasse trasparire i tratti di nessuno così da essere irriconoscibili agli occhi del Doge e non solo.
Ogni anno per le strade, i canali e i palazzi di Venezia decine e decine di maschere più o meno lavorate e studiate si incontrano e si divertono vivendo per qualche istante una finzione coinvolgente che permette così di giocare ad una parte diversa da quella abituale. Continua a leggere

Ballo del Doge 2013: come ci si prepara alla serata più attesa del carnevale veneziano

0028md

Ore 14 di sabato 9 febbraio: appuntamento per la prova costumi.
Non sto per raccontarvi il backstage di uno spettacolo teatrale, anche se per molti aspetti potrebbe esserlo, ma dell’evento più esclusivo ed atteso in laguna ad ogni carnevale: il Ballo del Doge, la grande serata che ogni anno l’artista ed imprenditrice veneziana, Antonia Sautter, organizza a Palazzo Pisani Moretta. Solo pochi e selezionatissimi invitati per un evento imperdibile che riesce a stupire anche gli habituè di feste del jet set più estremo per la sua accuratezza nei dettagli, la maestosità e la complessità nell’organizzarlo.

Quest’anno, in occasione del XX anniversario, ho avuto il piacere di essere tra i nomi di quella ristrettissima lista d’ingresso. Ma come ci tiene a precisare lo staff di Antonia Sautter il Ballo del Doge non è una delle tante feste in maschera in laguna e proprio per questo il dress code deve essere in linea con lo stile impeccabile ed attento della serata. Continua a leggere