Anche in quarantena arriva il week end: ecco come viverlo al meglio

Ormai è da settimane che la vita in quarantena ci sta stravolgendo abitudini, ritmi e emozioni. Tutti i giorni sembrano uguali, perché non ci sono più i tanti impegni, riti e appuntamenti che scandivano la nostra normalità.
Con la speranza che presto si possa uscire di casa iniziamo a fare i primi passi verso quelle piccole grandi cose che rendevano un giorno diverso da un altro, come per esempio il week end con la sveglia puntata un po’ più tardi, la colazione speciale, una cena particolare o il pranzo della domenica con le sue tradizioni. La data del 4 maggio si avvicina ma non sappiamo ancora cosa potremo o non potremo fare. Tuttavia è giusto coccolarsi un po’ (ce lo meritiamo anche visti i due mesi trascorsi in casa) e soprattutto tornare a rendere un giorno un po’ più speciale dell’altro. Perché nessun giorno deve essere uguale all’altro. Ecco allora una mini guida di come poter rendere il week end in arrivo speciale, con piccoli gesti che vi faranno senz’altro sentire meglio.

La colazione

E’ vero non possiamo ancora tornare a farla al bar come spesso eravamo abituati fare soprattutto il sabato o la domenica, ma ciò non toglie che possiamo renderla speciale almeno durante il week end.

Cosaporto e la colazione a casa come in pasticceria

Continua a leggere

San Valentino a tavola: cene indimenticabili per dirsi Ti amo

C’è il Raviolo rosso di barbabietola e King Crab di Gong, oppure il Gambero Viola con scorzonera, sedano rapa e tamarindo della Spurcacciun-a in riva al mare a Savona, o ancora i Tortelli ripieni di Mortadella in brodo di Soba (Shitake, verza, Pak Choi, polvere di anacardi) e tartufo fresco di Tartufi & Friends. Per questo San Valentino c’è davvero l’imbarazzo della scelta. La parola d’ordine però è stupire e regalare un’esperienza unica. Se ancora non avete programmato nulla per questa sera ecco qualche idea che certo lascerà a bocca aperta la vostra dolce metà.

Per la sera degli innamorati lo chef Guglielmo Paoulucci di Gong ha deciso di proporre dei dim sum dal colore rosso brillante preparati con pasta alla barbabietola e ripieno di King Crab. Belli da vedere e squisiti al palato. Continua a leggere

Non il solito San Valentino: ecco le proposte per una cena indimenticabile

C’è il risotto ai borlotti con limoni di Amalfi e baccalà mantecato dei fratelli Cerea oppure lo Spaghettone tiepido, caviale, ricci di mare e cipollina di Carlo Cracco, oppure ancora la tartare di cervo vichinga di Valhalla o infine la Tetta di Veleno, il dessert provocateur e afrodisiaco del ristorante bresciano. Per questo San Valentino gli chef e i ristoranti di tutta Italia si sono davvero sbizzarriti per creare i menù più originali di sempre. Il fil rouge? Naturalmente il romanticismo. Ecco allora le proposte gourmet più interessante per una cena indimenticabile con la propria dolce metà.

Alla Cantalupa la cena più romantica dell’anno

Una serata indimenticabile quella in programma a Brusaporto e pensata dagli chef Enrico e Bobo Cerea del Ristorante Da Vittorio. All’interno della suggestiva cornice della Cantalupa la serata si aprirà con l’Air-bag di barbabietola alle uova di aringa, seguito dal Manzo marinato mandorle e camomilla e dalla Ceviche di branzino cocco e lime, concluendo con la Sarda farcita su crema di pomodoro arrosto e alghe confit. La cena proseguirà con il Risotto ai borlotti con limone di Amalfi e baccalà mantecato e l’Aletta di manzo al pepe, cotta a bassa temperatura con carciofo alla giudia e crema di broccoli. Il clou della serata è previsto con il Dolce di San Valentino (una vera sorpresa per gli occhi e il palato), seguito dall’immancabile Piccola pasticceria e dai Cannoncini live. Continua a leggere

Penelope: il segreto del successo di un ristorante dove tutti vogliono cenare e sognare


Non c’è città italiana dove ci sia più fermento in fatto di nuove aperture e inaugurazioni di Milano, eppure da mesi è uno il ristorante di cui tutti parlano e dove è impossibile dire di non essere stati. Stiamo parlando naturalmente di Penelope a casa, il ristorante più fotografo e instagrammato degli ultimi anni. Sì perché basta scorrere la bacheca di qualsiasi influencer o personaggio del mondo del spettacolo per vedere qualche scatto nella meravigliosa location tra luci soffuse e splendidi arredi, o dell’ormai celebre spumante con zucchero filato. Negli ultimi mesi è qui infatti che si sono tenuti gli eventi più belli, dai compleanni (come quello di Beatrice Valli) alle proposte di fidanzamento, da presentazioni uniche come quella di Atelier Emè alle cene più romantiche.
Ma dietro al successo di questo ristorante, ultimo nato dopo Penelope a mare, e Penelope a casa (in quel di Sambuceto) c’è una donna speciale, una di quelle che hanno un sogno e che fanno di tutto per realizzarlo, con una luce diversa negli occhi e una motivazione che fa raggiungere i successi più belli.

Dietro a Penelope c’è infatti Francesca Caldarelli, una moderna Penelope, innamorata del suo uomo, della sua famiglia, e di quel sogno, tanto da conquistare il cuore degli abruzzesi prima, e dei milanesi poi, con quel mix di magia, allure e carattere che è il suo segreto più grande. Badate bene però a differenza della Penelope di Omero, lei il mondo l’ha girato affianco al suo Ulisse, e con lui ha condiviso quella curiosità e quella sete di sapere e di esperienze, che le hanno fatto oltrepassare le Colonne d’Ercole in cerca di sé e di quel sogno che ora è il sogno di tutti coloro che varcano la soglia del suo ristorante.

Perfezionista, inarrestabile e alla continua ricerca di qualcosa di nuovo per stupire gli altri, ma soprattutto se stessa, Francesca Caldarelli ogni giorno lavora per tessere una tela che emoziona e che incanta. Invece di disfarla, ogni notte ne cuce un pezzo nuovo, frutto di una mente instancabile che non si sente mai sazia, ma alla costante ricerca di qualcosa di nuovo.
Scopriamo insieme qualcosa di più su questa donna delle ristorazione italiana, cittadina del mondo e padrona di casa da Penelope, regina dei social, con un locale che è il trend più ricercato, ma che ama le cose genuine, autentiche e vere come i suoi piatti e come il suo sorriso. Continua a leggere

S. Valentino, gli chef omaggiano l’amore: dal social table di Cracco a Lilli e il Vagabondo in chiave orientale

Manca una settimana a San Valentino e mai come quest’anno gli chef hanno deciso di festeggiare l’amore, interpretando menù a tema per gli innamorati di tutta Italia. Mai cena sarà più galeotta infatti di quelle proposte per la sera del 14 febbraio da chef stellati e talenti del mondo gourmet italiano. Ce n’è per tutti i gusti (e anche le tasche), ma di certo non sarà un San Valentino come un altro. Riusciranno infatti questi chef a mettere in secondo piano rose, profumi e regali. Del resto cosa c’è di meglio di una cena a lume di candela con ottimo cibo e una bottiglia di vino ad accompagnarlo? E poi se anche lo chef ha il cuore tenero l’emozione è garantita.
Scopriamo insieme allora le proposte più interessanti.

San Valentino sì ma social da Carlo Cracco

Fuori dal comune, giovane e conviviale la proposta pensata dallo chef Carlo Cracco per la sera di San Valentino. Sì perché a dispetto della classica cena a lume di candela lo chef ha pensato di aprire le porte della Sala Mengoni, la meravigliosa sala dedicata agli eventi all’ultimo piano del suo ristorante in Galleria. Proprio lì, dove qualche settimana fa lo chef ha festeggiato il primo anniversario di matrimonio al fianco della sua dolce metà, Rosa Fanti, sarà infatti possibile brindare all’amore. Lui, che in occasione di quella serata aveva sfoggiato un maglione di Alberta Ferretti con la scritta Ti amo, dichiarando così tutto il suo amore per la moglie, ha pensato ad un San Valentino moderno, attuale, controcorrente. E’ infatti una serata riservata agli under 35 con una social dinner come piace ai giovani di oggi, meno tradizionalisti rispetto al più classico dei festeggiamenti. Il menù prevede un aperitivo di benvenuto seguito da Tuorlo fritto con capesante, crema di zucca, arancia bruciata e spinaci; Ravioli all’astice, fondo di crostacei, puntarelle e olive e Carrè di vitello in sfoglia con salsa di mela rossa e zenzero. A conclusione della serata il dolce di San Valentino e, sono certa, un selfie al balconcino della Sala che dà sulla Galleria. Non sarà quello di Giulietta, ma di certo è il più instagrammato di questi tempi.

Per i più tradizionalisti è comunque proposto un menù dedicato e molto interessante all’interno del ristorante al piano inferiore. Continua a leggere

Villa San Carlo Borromeo festeggia Cupido e gli innamorati


Si avvicina la festa degli Innamorati e come ogni anno sono moltissime le proposte di ristoranti, alberghi e location suggestive per trascorrere insieme al proprio amato una serata indimenticabile.
Una delle proposte più interessanti e assolutamente da non perdere è rappresentata dall’evento in programma a Villa San Carlo Borromeo, dimora storica di Senago appena fuori Milano, che per il 14 febbraio ha pensato ad una serata magica nelle sale di quella che è considerata da tutti una delle ville più belle e affascinanti del nord Italia. Continua a leggere