La storia di un sogno: in mostra i cinquant’anni di carriera di Carlo Pignatelli

E’ la storia di un sogno, ma anche di una carriera straordinaria di come ce ne sono sempre meno e che fanno sognare, realizzata grazie all’impegno, alla pazienza, alla passione e perché no anche alla follia di un uomo che dalla sua aveva un talento tra le mani. Carlo Pignatelli, il grande sarto della moda uomo, della sposa e della cerimonia, festeggia i suoi cinquant’anni di carriera e lo fa con una mostra a Milano dal titolo “Storia di un sogno”.

Inaugurata lo scorso venerdì a FieramilanoCity all’interno della manifestazione Sì Sposaitalia Collezioni, l’appuntamento annuale con la presentazione delle nuove collezioni della moda sposa, la mostra è un vero e proprio viaggio alla scoperta del sarto di origini pugliesi, arrivato a Torino come tanti meridionali in quegli anni alla ricerca di fortuna, e che grazie alla sua arte e alla sua passione ha conquistato ad uno ad uno gli uomini dell’alta società, della borghesia, del jetset e dello spettacolo.
E’ una retrospettiva tra i grandi successi del maestro, tra le importanti sfilate, le tante celebrities nostrane e internazionali che hanno indossato i suoi capi, i modelli iconici e le copertine delle più prestigiose riviste del mondo.

A festeggiarlo e a vedere in anteprima il percorso espositivo che dopo Milano arriverà nei prossimi mesi in quella che ormai è la sua città d’adozione, Torino, venerdì sera sono accorsi gli amici di sempre, i giornalisti che ne hanno raccontato la carriera e i volti che hanno interpretato lo stile Pignatelli in televisione e sul grande schermo.

Tra tutti l’amico di una vita, Albano Carrisi, legato da un profondo legame di stima ed affetto. La stessa carriera del famoso cantante è stata accompagnata dalle giacche e dai completi della maison Pignatelli, oltre ad averlo accompagnato nei momenti più emozionanti e privati della propria vita, come il matrimonio della figlia Cristel.

A brindare ai tanti successi anche altri volti noti come Simona Ventura, Valeria Marini, Ana Laura Ribas, Fabio Fulco, Mietta, Barbara Pedrotti, Nesli e Micol Azzurro.

info@imaxtree.com

info@imaxtree.com

All’interno della mostra è stato anche allestito uno spazio dove i visitatori hanno potuto vedere un bellissimo documentario sulla vita dello stilista.

“Questa mostra, oltre a celebrare il lavoro fatto in questi primi cinquant’anni, è l’incarnazione del mio pensiero” ha raccontato Carlo Pignatelli. “Pur evocando tutti i successi raggiunti, non è solo una retrospettiva o un racconto evolutivo, ma traccia la mia visione futura per il brand. Per questo motivo abbiamo scelto di coinvolgere un pubblico più ampio possibile e di aprire le porte del nostro archivio anche sui social per mostrare creazioni speciali e aneddoti mai svelati. È un modo per ringraziare la clientela di tutto il Mondo che ci segue e ci sostiene da ormai mezzo secolo”.

Non un punto d’arrivo però per Carlo Pignatelli, ma un nuovo inizio. E lui come sempre è pronto a sognare!

Credit foto: Michele Dell’Utri Studio

Titanic galeotto: proposta di matrimonio alla mostra di Torino

Un fuoriprogramma che ha riscosso l’entusiasmo di tutti i presenti, ma soprattutto l’emozione dei diretti interessati. La mostra Titanic – the Artifact Exhibition di Torino, dedicata alla famosa nave dalla fine tragica che ha ispirato il celebre film con Leonardo Di Caprio e Kate Winslet, tra i reperti originali del relitto e le straordinarie ricostruzioni degli ambienti è stata infatti il palcoscenico di una proposta di matrimonio alquanto insolita.
Omar ha infatti deciso di chiedere la mano della sua fidanzata Annalisa proprio in un’ala della mostra, dedicata alla riproduzione della cabina di prima classe.
Il giovane innamorato si è persino vestito come nella celebre scena del film di James Cameron in cui Jake ritrae la sua amata.
I visitatori della mostra hanno così assistito a questa romantica proposta di matrimonio tra lacrime e commozione.
La dimostrazione insomma che la storia del Titanic, e quella della sua storia d’amore, raccontata nella celebre pellicola, non smettono di far sognare! Continua a leggere

Barbie alla conquista di Milano in abito da sposa tra collezionisti, fashion show e raccolte fondi

Un appuntamento quello di sabato prossimo segnato in agenda con mesi di anticipo dai tantissimi collezionisti che da ogni parte del mondo accorrono per lei. Per chi? Per Barbie, la bambola più famosa al mondo, l’icona di stile, ma anche dei tempi che cambiano, delle mode, delle conquiste, delle battaglie fatte dalle donne e incarnate da questo oggetto del desiderio, prima di bambini ma poi sempre più di grandi appassionati.

Si svolgerà a Milano infatti il prossimo week end la l’Italian Doll Convention, arrivata alla sua settima edizione, che rappresenta un evento imperdibile per collezionisti italiani ed europei.
Il tema di quest’anno? Il mondo del wedding!
Nonostante Barbie non si sia mai effettivamente sposata ha avuto modo di indossare negli anni decine e decine di abiti da sposa, ispirando e ispirandosi alle grandi maison del mondo e come sempre lanciando anche dei veri e propri trend.
All’interno dell’Hotel Melià di Milano sabato 13 e domenica 14 quindi si incontreranno oltre 250 appassionati provenienti da tutto il mondo per un evento unico, tra fashion show, una cena di gala segretissima a tema proprio wedding e poi una mostra e tanto tanto altro ancora. Continua a leggere

A Milano le Officine del Volo spengono le loro prime dieci candeline con una mostra e tanti successi

We cannot display this gallery

Per i milanesi è una delle location più esclusive per organizzare un evento aziendale di classe e alla moda o per festeggiare un matrimonio elegante e cool allo stesso tempo, per milioni di italiani è la cucina di uno dei programmi culinari di maggior successo di questi tempi, ma le Officine del Volo in realtà sono tanto tanto altro e a dimostrarlo è una mostra fotografica che verrà inaugurata il prossimo 6 febbraio in occasione del suo decimo anniversario.

La location infatti ha deciso di spegnere le sue prime dieci candeline raccontandosi al pubblico attraverso un racconto per immagini, inserito in un’originale installazione allestita
presso il bistrot Corsia del Giardino di Milano fino al 3 marzo.
Nate dal desiderio dell’architetto Nicola Gisonda di effettuare un vero e proprio intervento di restauro di un segmento delle ex officine aeronautiche Caproni, le Officine del Volo recuperano e mantengono il fascino di una storica architettura industriale milanese dei primi del ‘900, trasformandosi in un luogo attuale e dinamico, sempre in divenire. Continua a leggere

Al via Sposidea, la fiera del wedding che porta a Villa Castelbarco il meglio del settore


Apre oggi i battenti fino al 3 ottobre una delle fiere più attese del settore wedding. Sposidea, la mostra per gli sposi che ogni anno si svolge a Villa Castelbarco Albani a Vaprio d’Adda, promette anche quest’anno di stupire con tante novità e un particolare tratto distintivo, quello della personalizzazione, con proposte uniche come scarpe fatte a mano o allestimenti floreali esclusivi.
Saranno più di centoventi espositori ad animare Villa Castelbarco Albani dal 30 settembre al 3 ottobre, con numerose proposte volte a “customizzare” il giorno del sì. Si tratta di un ventaglio di proposte unico fatto di grandi professionalità e competenza per realizzare il perfect wedding day. Continua a leggere

Buon compleanno tubino: a Milano una retrospettiva su un abito divenuto leggenda


E’ l’eleganza fatta abito, è ciò che non dovrebbe mai mancare nell’armadio di una donna ed è il pass partou femminile per ogni occasione da quella mondana a quella lavorativa, da quella casual a quella bon ton. Naturalmente sto parlando del tubino, e più precisamente del tubino nero. Continua a leggere

Silvia dei Fiori a passeggio tra i quadri della mostra di Forlì

La nostra maestra floreale Silvia dei Fiori ha realizzato per il blog Fiori e Foglie un bellissimo servizio sulla mostra “Fiori. Natura e simbolo dal Seicento a Van Gogh” in corso a Forlì nelle sale del Museo San Domenico. Nel pezzo Silvia mette in luce tutta la sua passione per l’arte ed i suoi differenti stili, oggetti degli studi che ha affrontato approfonditamente nel corso degli anni.
E’ quindi un punto di vista diverso quello che emerge dall’articolo di Silvia, che non vuole parlare da critico d’arte ma da maestra d’arte floreale, con un occhio attento ai differenti modi di rappresentare i fiori nei secoli. Per immergersi in questa stupenda mostra e nell’entusiasmante descrizione di Silvia non vi resta che leggere l’articolo su Fiori e Foglie, in attesa di partire per Forlì. Leggi il pezzo