Fuga romantica per San Valentino? Otto destinazioni che conquistano

San Valentino ormai alle porte e che siate degli inguaribili romantici o no può essere una scusa perfetta per una fuga d’amore, lasciandosi alle spalle la routine di tutti i giorni. Non serve fare tanti km tuttavia, sono infatti tantissime le proposte, che si voglia una destinazione a poca distanza dalla città o una meta più lontana.

Perdersi per i colli bolognesi e i sapori di Aurora Mazzucchelli

“Ma quanto è bello andare in giro per i colli bolognesi se hai una Vespa Special che ti toglie i problemi…” cantava un giovanissimo Cremonini, facendoci ballare all’impazzata. E’ proprio tra quei colli bolognesi che si trova il primo indirizzo che vi consiglio, per l’esattezza a Sasso Marconi nel regno della chef Aurora Mazzucchelli e del fratello Massimo. Una cucina piena di emozioni, premiata più e più volte e insignita da tempo della prestigiosa stella Michelin. Il Ristorante Marconi propone per San Valentino tr le tante proposte un insalata di granchio, salsa di anacardi e uovo, il risotto con mosaico di pesci crudi e polvere di alghe, l’ Uovo al risveglio (uovo 63°, salsa bacon e orzo croccante) e un Cremoso di limone e abete rosso, latte di cocco e capperi. Una deliziosa scusa per fuggire dalla città e perdersi in quei colli bolognesi e nei sapori pieni di amore per il buon cibo e la terra creati da una grande chef della cucina italiana.

Romantica Firenze


E’ uno degli hotel più belli di tutta Italia grazie ai suoi giardini, ai suoi spazi pieni di storia e ad un’eleganza senza tempo che pervade ogni cosa. Il Four Seasons di Firenze è uno di quei luoghi di cui ci si innamora a prima vista e che, una volta vissuti, ci si porta per sempre nel cuore.
Cosa ci può essere allora di più romantico di un soggiorno in una delle meravigliose suite affacciate sul parco, di un pomeriggio trascorso a rilassarsi nella spa dell’hotel o di una cena al Ristorante Palagio tra le coccole e le sorprese dell’Executive Chef Vito Mollica? Lo chef propone Catalana invernale di astice profumata al bergamotto, Scampi arrostiti con passatina di ribollita e guanciale iberico e Risotto cacio e tartufo nero con crema di carciofi (solo per citarne alcuni). Lasciatevi conquistare dalla cucina indimenticabile dello chef Mollica e, se il tempo lo permette, rilassatevi con una passeggiata sotto le stelle nel parco dell’ hotel tra opere d’arte e angoli suggestivi.

Hotel de la Ville: week end d’amore alle porte di Milano


Una cena romantica? Meravigliosa. Ma perché non concedersi una vera e propria coccola ritagliandosi un vero e proprio week end d’amore? Oltre a conquistare l’amata, farete un dono anche a voi stessi. Non serve tuttavia andare lontani perché spesso le cose più belle sono quelle a portata di mano. Come l’Hotel de la Ville, situato a Monza proprio di fronte alla Villa Reale. Un luogo pieno di charme grazie ad uno stile elegante, sofisticato e di grande classe. Il pacchetto pensato in occasione di San Valentino comprende un pernottamento in camera deluxe con ricca colazione a buffet e il Menu di San Valentino nel ristorante gourmet Derby Grill.

Lo chef Fabio Silva vi stupirà con la sua cucina ricercata, raffinata e genuina in un susseguirsi di proposte deliziose: dagli Spaghetti di patate e scaglie di Bitto, uovo di quaglia e brodo di funghi freschi, alla Fregola mantecata con gamberi rossi di Mazzara del Vallo, vongole veraci e bottarga di muggine, fino al Cuore di filetto di manzo al fegato grasso d’anatra e tartufo nero Salsa al Porto ridotto. Un piacere per il palato che culminerà in un momento di estremo relax in una delle meravigliose camere dell’hotel.

A San Valentino celebrate l’amore all’Albereta Resort

L’Albereta Relais & Chateaux – Erbusco


E’ uno dei più suggestivi relais d’Italia e la sua posizione nel cuore della Franciacorta ne è la cornice ideale di soggiorni unici. Tra le dolci colline dei vigneti e una natura che rilassa e scalda il cuore, L’Albereta è il luogo ideale per vivere (ogni giorno dell’anno e non solo a San Valentino) un’esperienza indimenticabile. Qui l’ospitalità è arte e così un soggiorno diventa un ricordo per sempre.
Per il 14 febbraio il relais propone un soggiorno con colazione in camera, aperitivo presso il Vista Lago Bistrot brindando con un buonissimo Contadi Castaldi Rosè, una romantica cena con vini in abbinamento, un massaggio di corpo di 50 minuti e l’accesso libero alla zona Aqua- Fitness de L’Espace Chenot Health Wellness Spa.

Tutto il fascino del Lago a Il Porticciolo di Laveno


Dai finestroni de Il Porticciolo si gode un magnifico colpo d’occhio sul lago che spazia da Verbania alle colline, sino ad arrivare alle cime del Monte Rosa, che appaiono e scompaiono fra le nuvole, come in un sogno. Un panorama che conquista e appaga l’anima, oltre che gli occhi. Ampie vetrate, terrazze, pontile d’attracco e una cucina di lago che conquista grazie alla bravura dello chef Riccardo Bassetti, che in occasione della festa degli innamorati propone all’interno del menù un Toast di storione con cavolfiore e caviale Calvisius, Riso mantecato con fondo di cottura alla diavola e pane abbrustolito e infine una Madeleine all’olio d’oliva e limone. Una vera e propria coccola dei sensi!

Venezia è sempre una buona idea


Non c’è periodo all’anno in cui non valga la pena soggiornarvi, ma a San Valentino per una coppia di innamorati Venezia regala scorci e atmosfere da sogno. Per rendere il tutto davvero magico serve scegliere la cornice perfetta e per me non c’è scelta migliore del Sina Centurion Palace, un gioiello sulle rive del Canal Grande, nel sestiere Dorsoduro. E’ l’affaccio proprio su una delle Meraviglie del Mondo più fotografate e ammirate fa di questo hotel una tappa obbligata per chiunque desideri un soggiorno nel cuore di Venezia, in uno dei Palazzi storici in Laguna, dove charme, storia ed eleganza sin fondono insieme. Ma anche il palato qui assapora i piaceri di una cucina originale, briosa e sorprendente. Per San Valentino l‘Antinoo, il ristorante all’interno dell’hotel, propone Capasanta con spuma di cavolo nero, arancia e gocce di acciughe del Cantabrico, Tagliolini al limone con astice e caviale keta e il Fondente di Cupido. Un nome per il dolche che è una promessa d’amore!

San Valentino vista mare alla A Spurcacciuna

E’ un’ostrica alla brace quella che apre il menù per San Valentino di uno dei ristoranti della riviera ligure più meritevoli e di talento. A Savona infatti l’A Spurcacciuna è sinonimo di una cucina che regala esperienze uniche, frutto delle sapienti intuizioni di uno chef tra i migliori in Italia, il giovane Simone Perata, che dopo aver girato il mondo ha fatto di questo luogo il suo regno a pochi passi (letteralmente) dal mare.
Chiunque arrivi qui e sieda alla sua tavola rimane conquistato dai giochi di sapori, che affondano le radici nella tradizione ligure in una profondissima ricerca di materie prime eccellenti e genuine, ma che guarda al variegato mondo di sapori che lo chef ha ben conosciuto nei suoi viaggi e nelle sue passate esperienze.


Lasciatevi emozionare allora dalla Millefoglie di foie gras, tonno rosso, alga nori, daikon marinato e sumiso, dagli Gnocchi di patata quaranatina alla piastra ripieni di «ciupin», dal Risotto Acquerello con carciofi, novellame e agrumi fino ad arrivare al Cremoso all’olio extravergine taggiasco, carciofi e limone. Per vivere un’esperienza ancora più unica lasciatevi guidare dal sommelier Michelangelo, competente, piacevolissimo e signore della sorprendente cantina.

Palazzo di Varignana: una location sorprendente tra natura e relax


Palazzo di Varignana Resort & SPA è un luogo incantato! Si tratta di un’ elegante e prestigiosa struttura adagiata nello scenario della campagna emiliana. Una villa del ‘700, restituita al suo originario splendore, che al suo interno propone esperienze per qualunque ospite vi soggiorni: dal relax più completo della grande Spa di oltre 3500 mq al grande giardino ornamentale, fiore all’occhiello di una struttura immersa nella natura. Le proposte gourmet del ristorante Il Palazzo sono originali, frutto di una accurata e sapiente interpretazione della tradizione della cucina creativa e del territorio. Ecco qui il menù per San Valentino.

Week end romantico a Venezia, meglio ancora se a Carnevale

Poche esperienze sono uniche come un viaggio a Venezia: la Laguna, gli scorci nascosti che solo passeggiando tra le calli si scoprono lasciando a bocca aperta, le antiche botteghe, il romanticismo delle gondole, la maestosità di Piazza San Marco… C’è qualcosa però di ancora più speciale in Venezia ed è viverla nei giorni di festa del Carnevale. Per rendersene conto non basterà guardare qualche filmato in tv o qualche fotografia alle tante maschere che la animano. Per capire il Carnevale di Venezia è necessario viverlo. In prima persona, mettendoci la faccia, pardon la maschera.
Solo osservando questa straordinaria città, i suoi abitanti, le sue tradizioni e le sue atmosfere attraverso le fessure di una maschera si percepirà la magia. Non vi è nulla di simile al mondo ed è per questo che da ogni parte del globo arrivano qui in Laguna ogni anno turisti incuriositi e pronti a lasciarsi trasportare dalla festa, dai travestimenti, dalla storia.

A Venezia infatti il Carnevale è un salto nel passato, nelle usanze e nei costumi che di generazione in generazione i veneziani (non tutti ahimè) preservano con amore, dedizione e cura.  Il Carnevale di Venezia dovrebbe essere considerato Patrimonio Culturale dell’Umanità, proprio come la sua città.
Come capire quello di cui vi sto parlando? Andando a Venezia.
Ecco quindi alcuni consigli su come immergervi in quella che senz’altro sarà un’esperienza unica, il cui ricordo rimarrà nei vostri cuori per sempre. E poi manca una settimana alla festa degli innamorati e quindi perché non unire entrambe le occasioni per trascorrere un week end magico? Continua a leggere

L’Italia è ancora la meta da sogno per la luna di miele

Che il nostro Paese avesse un grande ascendente sugli stranieri già si sapeva e anche che molti lo scegliessero per convolare a nozze, ma ora arriva la conferma ufficiali dall’Osservatorio sul Wedding Internazionale di Sposa Mediterranea Network.
Del resto negli ultimi anni sono stati tanti i divi di Hollywood a scegliere l’Italia per pronunciare il fatidico Sì, basti pensare a George Clooney, Tom Cruise, Sofia Coppola e tanti altri.
I dati presentati lo scorso fine settimana a Ravello in occasione di un’importante convention del settore all’Hotel Bonadies sono chiari: il Belpaese è la meta europea preferita in fatto di destination wedding e la seconda a livello mondiale, seguita solo dai Tropici e dalle Hawaii. Subito dopo l’Italia si sono posizionate Francia, Grecia e India.

Il mondo del wedding non è un fenomeno di colore – ha affermato Suita Carrano, general manager di Sposa Mediterranea Network e coordinatrice dell’ Osservatorio – ma crea numerose opportunità occupazionali e può assicurare un contributo anche per i giovani meridionali che intendano formarsi in questo campo. Anche per questo abbiamo scelto di rendere pubblici alcuni dati scaturiti da una costante analisi del fenomeno. Il matrimonio made in Italy viene scelto per l’ introvabile mix di buon cibo, buon vino, arte, cultura e panorami, oltre che la certezza di un calore umano che difficilmente si trova in altre nazioni.Continua a leggere

Alessandra Rinaudo, un orgoglio tutto italiano alla conquista di Izmir

Ho provato, e credo di non essere stata la sola, un orgoglio tutto italiano nel vedere le immagini della sfilata di Alessandra Rinaudo ad Izmir di qualche giorno fa. A rendermi orgogliosa non è stato un solo motivo, ma tanti.
Prima di tutto perché Alessandra è una donna speciale, piena di idee, di energia, ma che soprattutto ama il suo lavoro con tutta sé stessa. Direttrice creativa del brand internazionale Nicole Fashion Group, disegna cinque linee di abiti da sposa e allo stesso tempo dirige, al fianco del marito, Carlo Cavallo, l’azienda di famiglia, con il polso dell’imprenditrice di successo ma coi piedi per terra e il dolce sorriso di chi è anche madre di tre figli.
In più è italiana, anzi italianissima, con quel suo accento squisitamente piemontese, lo sguardo genuino e sincero e una testa che non sa stare ferma un attimo, ma che corre già agli impegni del minuto successivo.
Quello di Alessandra è un bellissimo esempio di eccellenza italiana, coltivata sin dalla tenera età nello storico laboratorio di Saluzzo, dove ha visto al lavoro la nonna e la mamma Maria Teresa Lauteri, creatrice dell’omonimo marchio, ed ha imparato come si confeziona il perfetto abito da sposa.
E’ l’Italia che sa fare, che non sta con le mani in mano, l’Italia che fa passare per mani operose e mai stanche una creatività unica, mix perfetto tra amore per il bello, tradizione, con uno sguardo però sempre rivolto al futuro.
Il segreto di tanto successo è da ricercarsi probabilmente nell’impegno, nella tenacia e nell’operosità di un’azienda che rispecchia perfettamente la sua direttrice, ma anche nell’amore.
Un amore che traspare da tutto: dagli abiti, dal rapporto col cliente, dalle relazioni intrecciate coi giornalisti.
E’ un sentimento che si respira in ogni evento Nicole e che ben si capisce osservando Alessandra e il marito Carlo, presidente dell’azienda, stesso sguardo sincero ed onesto e identico piglio deciso di chi sa il fatto suo.

Quello di Izmir è solo l’ultimo di tanti successi per questa azienda di Saluzzo che negli ultimi anni ha fatto tanta, tantissima strada.
Sulla passerella della terza città più importante della Turchia la stilista italiana ha infatti presentato nei giorni della manifestazione bridal “Wedding Fashion Izmir” le nuove collezioni 2017 di abiti da sposa: oltre 40 modelli della collezione Nicole Spose e un’anteprima della più preziosa linea Alessandra Rinaudo Bridal Couture.

Da segnare in agenda il nuovo appuntamento per il prossimo 9 aprile a Venezia, dove Alessandra Rinaudo e il suo staff presenteranno con un grande evento internazionale le proprie collezioni. Continua a leggere

Grande fermento per la XXI edizione del Ballo del Doge: la visionaria Antonia Sautter ci svela i retroscena dell’Evento degli eventi

033

Tra poco più di un mese, per l’esattezza la sera dell’1 marzo, andrà in scena la XXI edizione del Ballo del Doge, l’evento più atteso in Laguna ma non solo per festeggiare il Carnevale.
La serata è riconosciuta in tutto il mondo come uno degli eventi assolutamente imperdibili per classe, esclusività e unicità.
Mente creativa di quella che potremmo definire la festa delle feste, inserita persino nella lista delle 10 cose da fare nella vita, è una delle donne dei giorni nostri più eclettiche e visionarie: Antonia Sautter, ideatrice del Ballo, ne è infatti l’artefice a 360 gradi. Regista, costumista, ricercatrice di talenti, artista e soprattutto amante del bello e dello straordinario potrebbe sembrare una donna d’altri tempi se vista durante uno dei Balli a Palazzo Pisani Moretta tanto riesce ad immergersi con tutta sè stessa in un’atmosfera da sogno.
Quello che sorprende tuttavia è però la sua indole camaleontica, a metà tra il passato, il presente e il futuro, basti vederla nel backstage dell’evento (in questa esclusiva selezione di immagini per esempio) in cui mostra tutta la sua concreta attenzione e cura per perseguire un unico scopo: quello di catapultare i suoi Ospiti almeno per una notte in un mondo lontano, ancestrale e immaginifico.
E a sorprendere è il fatto che in questi ventuno anni di storia del Ballo sia riuscita ad inventare, reinventare e lasciare a bocca aperta ogni volta il suo pubblico, disposto a tutto pur di vivere per una notte quel sogno, a volte un po’ infantile e talvolta invece peccaminoso, che ognuno porta dentro di sè.
Varcare la porta di Palazzo Pisani Moretta in occasione del Ballo è assistere ad uno degli spettacoli più emozionanti e suggestivi al mondo, diventandone attori e non comparse.
Organizzatrice di eventi esclusivi, oltre al Ballo del Doge Antonia Sautter dà vita a momenti indimenticabili come matrimoni e feste uniche, in cui ogni volta mette un po’ di sè stessa, mettendo in gioco fantasia e un pizzico di follia.
Dietro ad una delle meravigliose e preziose maschere che la stessa sartoria Antonia Sautter confeziona da oltre vent’anni si celano ogni anno i volti di politici, personaggi dello spettacolo, imprenditori o semplicemente amanti del bello, che accorrono a Venezia per fermare il tempo, vivere il Carnevale come mai prima e sognare.
Sarà proprio il sogno il tema della prossima edizione del Ballo che in questi giorni sta vivendo il suo momento di maggior tensione artistica con le fasi di preparazione tra le decine e decine di artisti che vi prenderanno parte tra cantanti, ballerini, attori ecc. Stessa sorte alle decine di sarte che stanno confezionando i costumi più ricercati ed eleganti tra stoffe damascate, velluti, perle e pizzi.
Per chi vuole regalarsi quella che senz’altro è un’esperienza da Mille e una notte è ancora possibile farlo sul sito dell’evento, per chi invece starà a casa ecco il racconto dalla viva voce di Antonia Sautter di quello che anche quest’anno si appresta ad essere l’Evento con la E maiuscola in Laguna. Continua a leggere

Carnevale 2013: Venezia si riconferma il cuore della festività tra mondanità, tradizione e sentimento

089ppfoto-m-toffolo-r

E’ risaputa la bellezza e l’allure del carnevale di Venezia, turisti da ogni capo del mondo accorrono in laguna in questo periodo per vivere un’esperienza indimenticabile, un sogno, un’evasione dalla realtà. Perchè è proprio per questo motivo che è nato il carnevale qui: dare al popolo un periodo di svago e goliardia prima della Quaresima in cui si potesse scherzare, andare oltre le rigide norme morali dell’epoca il tutto celati da una maschera che non lasciasse trasparire i tratti di nessuno così da essere irriconoscibili agli occhi del Doge e non solo.
Ogni anno per le strade, i canali e i palazzi di Venezia decine e decine di maschere più o meno lavorate e studiate si incontrano e si divertono vivendo per qualche istante una finzione coinvolgente che permette così di giocare ad una parte diversa da quella abituale. Continua a leggere

Ballo del Doge 2013: come ci si prepara alla serata più attesa del carnevale veneziano

0028md

Ore 14 di sabato 9 febbraio: appuntamento per la prova costumi.
Non sto per raccontarvi il backstage di uno spettacolo teatrale, anche se per molti aspetti potrebbe esserlo, ma dell’evento più esclusivo ed atteso in laguna ad ogni carnevale: il Ballo del Doge, la grande serata che ogni anno l’artista ed imprenditrice veneziana, Antonia Sautter, organizza a Palazzo Pisani Moretta. Solo pochi e selezionatissimi invitati per un evento imperdibile che riesce a stupire anche gli habituè di feste del jet set più estremo per la sua accuratezza nei dettagli, la maestosità e la complessità nell’organizzarlo.

Quest’anno, in occasione del XX anniversario, ho avuto il piacere di essere tra i nomi di quella ristrettissima lista d’ingresso. Ma come ci tiene a precisare lo staff di Antonia Sautter il Ballo del Doge non è una delle tante feste in maschera in laguna e proprio per questo il dress code deve essere in linea con lo stile impeccabile ed attento della serata. Continua a leggere

Un nuovo appuntamento su Oggi Sposi: arrivano i video delle nozze più belle grazie a Nitrato d’Argento


Diamo via oggi ad un nuovo spazio su Oggi Sposi, che desideravo da diverso tempo e che finalmente posso inaugurare. Tra decine di consulenti, reportage, servizi fotografici poteva mancare uno speciale appuntamento fisso con i filmati di alcuni dei matrimoni più belli che siano mai stati realizzati in Italia? Tutto questo grazie ad AgNo3 Nitrato d’Argento. Continua a leggere