Elisa Mocci: “Dopo quello della Canalis vorrei organizzare il matrimonio di Laura Pausini”

Sono centinaia le wedding planner che hanno scelto questa professione in Italia e sceglierne una piuttosto di un altro sembra essere impossibile, ma spesso sono proprio le piccole cose a far preferire una su tutte. Sorriso genuino e contagioso, occhi che si emozionano ogni volta che vedono un matrimonio, come se fosse il primo, sono queste le armi segrete di Elisa Mocci, organizzatrice di eventi di successo e da pochi giorni ancora più conosciuta in Italia per l’ultima sua grande fatica, il matrimonio Canalis-Perri.
Elisa, giovanissima e in gamba, titolare dell’agenzia Elisa Wedding Dreams, ha sbaragliato tutta la concorrenza grazie alla sua naturalezza, al suo modo semplice di prendersi a cuore degli sposi sin dai primi attimi, ma anche per le sue origini sarde, uguali a quelle della sposa. E infatti c’è stata tanta Sardegna in uno dei matrimoni più mediatici dell’estate 2014.
Elisa ha infatti, su desiderio della sposa, cercato di far vivere agli invitati sapori, odori e tradizioni dell’isola a cui lei è tanto legata.
Ora Elisa, lasciata alle spalle la frenesia delle nozze vip, guarda avanti ai suoi nuovi progetti: primo fra tutti l’Exclusive Wedding Show, un evento da non perdere nella splendida cornice di Palazzo Ducale a Sassari. Oltre naturalmente ai suoi corsi presso quella che chiama Academy. Pensando al futuro poi ci svela in questa piacevole intervista a chi vorrebbe organizzare il matrimonio. Curiosi? Leggete qui sotto.

Sei giovanissima eppure nel tuo curriculum hai già tanti matrimoni importanti. Come sei arrivata ad essere quella che sei?
Grande impegno, studio e sperimentazione sono stati fondamentali. Ma credo che imprenditori si nasca. Ho sempre avuto intuizione ed ambizione, e fin da piccola ho sempre corso un pò più veloce del normale. Nella vita ho fatto qualche sacrificio e rinuncia, inizialmente mi sono dedicata totalmente a questa attività.
I primi tempi è stato difficile farsi prendere sul serio, data la giovane età; ora dopo sette anni l’esperienza è un punto a mio favore.
Vivo ogni esperienza come un pezzo fondamentale, credo che ogni istante, persona, viaggio possa cambiare la vita e determinare il futuro, e cerco di non sprecarne neanche un attimo.

Che tipo di formazione hai seguito?
Conservatorio di Musica (pianoforte e canto) e Liceo Classico. Poi la Laurea in DAMS a Roma3 in Discipline dello Spettacolo, con specializzazione in regia Teatrale e Televisiva. Il Teatro è il fil rouge della mia esperienza, perchè il Wedding PLanner è regista e scenografo di una giornata intera, e deve muoverne i fili con maestria ed eleganza.
Continuo la mia formazione attraverso gli incontri internazionali con i grandi del settore, dal DWP Congress all’Engage negli USA, e con Quintessentially a Londra.

Sposarsi in Sardegna: quali location consiglieresti a due sposini che vogliono dirsi sì nell’isola?
Per chi ama il mare, cerimonia al tramonto su un veliero a La Maddalena o al Faro di Capo Spartivento. Ma non è da trascurare il nostro entroterra dal fascino ancestrale: il lago Omodeo, le foreste di Anela e Bultei, o il sito sacro di Santa Cristina sono wild locations che regalano un’esperienza suggestiva.

Oltre ai locali credi siano in aumento gli stranieri che decidono di sposarsi nell’isola?
Certamente, il Destination Wedding è un trend in assoluta crescita. Arabi e Russi in Costa Smeralda, anglosassoni e americani nel resto dell’isola.

Sei stata la prima wedding planner in Sardegna. Cosa ti ha spinta a iniziare questa avventura prima di tante altre che poi ti hanno seguita?
Una semplice analisi di mercato. La Sardegna è un luogo meraviglioso e una meta molto ambita per le vacanze degli stranieri. Perchè ciò che già andava di moda ai Caraibi o alle maldive non poteva funzionare anche da noi, che siamo al centro del Mediterraneo? Certo bisognava essere molto preparati, perchè la Sardegna ha ben poche location strutturate per l’accoglienza ad altissimi livelli, per quello ci siamo specializzati fin da subito della costruzione dell’evento in scenari naturali, dal nulla.

Come sei stata contattata da Elisabetta Canalis per il suo matrimonio?
Ci ha contattati la famiglia, in incognito. Dopo un incontro, ci hanno svelato di chi fosse il matrimonio. Credo di essere l’unica sassarese a non aver conosciuto prima la sig.ra Canalis, la mamma di Elisabetta!

Elisabetta, sarda come te, ha voluto far respirare un po’ di tradizione dell’isola anche ai suoi ospiti. In quali dettagli sei riuscita a trasmettere il suo attaccamento alla terra?
Anzitutto la scelta della location per il ricevimento, le Tenute Sella e Mosca, fiore all’occhiello dell’eccellenza vinicola sarda e non solo. Un setting naturale, dove si respira tradizione in ogni angolo, dalle cantine ai giardini.
Nel cibo, rigorosamente tipico, affidato al Catering di C&B e a tre chef sardi: Pisanu, Tavera e Cangialosu. Un grande angolo di salumi e formaggi sardi (dal caseificio Cossu) apriva gli aperitivi, corredato da una mappa dell’isola da me dipinta sul legno, con i paesi di provenienza dei cibi. Anche acqua rigorosamente sarda, San Martino.
Tradizione nella Wedding Bag di benvenuto, nella quale ho voluto racchiudere le atmosfere isolane: gli odori, con due profumi uomo e donna, dono di “Acqua di Sardegna“. I sapori, con i dolcetti tipici “Sospiri alle mandorle”, di Rau. I tessuti, la bag stessa è tessuta a telaio da “Le Pavoncelle”, e riporta l’omonimo logo, simbolo di fertilità.
Logo che ho ripreso nei menu, segnaposto, libretti messa e in altri piccoli dettagli.
E per finire la musica, dono di artisti sardi, dall’Ave Maria di Bianca Atzei all’Halleluja di Roberto Acciaro, il coro Nova Euphonia e la Francesca Corris Swing Band, tutte eccellenze isolane.

Ci puoi dare qualche informazione su quali fornitori sono stati scelti per l’evento? Location, catering, allestimento floreale, cadeaux de marriage…?
Oltre ai sopra citati, vorrei ricordare e ringraziare per l’allestimento floreale Passepartout e Vosma, e il team di fioristi riuniti per l’occasione, l’AutoPrestige che ha fornito il parco auto firmato BMW per gli Sposi.
Container Allestimenti ha firmato la grande tensostruttura per il party, audio e luci.
Tutti gli allestimenti scenografici sono creati da me persaonalmente all’interno dei laboratori, come ad esempio la grande luna Photobooth, he ha sorpreso gli ospiti.
Ma il grande grazie va a tutto il mio Wedding Staff, quindici ragazzi professionali ed affidabili che rendono reali i nostri allestimenti e lo svolgimento dell’evento senza intoppi.

Cosa ne pensi a riguardo della polemica in merito all’abbigliamento di Belen Rodriguez invitata alle nozze?
Credo fosse un bellissimo abito da sera, forse meno adatto per il pomeriggio. Tuttavia il mondo dello spettacolo ha regole tutte sue, e ha sortito l’effetto desiderato.

Il ruolo di una wedding planner nel giorno delle nozze è sempre molto delicato. Immaginiamo che in un matrimonio mediatico lo sia ancora di più. Hai trovato delle difficoltà o ci sono stati dei momenti che ti hanno fatto amare ancor più il tuo lavoro in quest’ultimo impegno professionale?
Lo stress più grande è stato dover gestire i media e la sicurezza dell’intera giornata. In eventi come questo il 70% dell’energia va via nel “contenere” il contorno, e quindi è molto più faticoso potersi concentrare sui dettagli, e si rischia di perdere di vista i nodi fondamentali. Ma siamo stati all’altezza ed eravamo preparati a tutto.

Essere una wedding planner con sede a Sassari sicuramente fa la differenza nel tuo lavoro. Trovi che ci siano delle differenze nelle richieste che vengono fatte dai sardi nel loro giorno del sì rispetto agli altri matrimoni che organizzi?
Sassari è l’headquarter dell’attività perchè è la mia città natale. Comoda ed accessibile. In realtà mi muovo molto in giro per il mondo, e chi cerca me come Wedding Planner non fa differenza, si affida e richiede un giorno speciale, ricco di dettagli.

Inizialmente hai trovato delle difficoltà ad iniziare questa attività in Sardegna?
No, anzi il campo libero mi ha permesso di crescere con gradualità e affermarmi come professionista integrandomi con il territorio. La difficoltà maggiore è far capire ai fornitori che non siamo competitors, bensi la nostra figura può portare lavoro qualitativamente superiore.

Proprio qualche giorno fa si è celebrata l’edizione 2014 del matrimonio selargino. Cosa pensi si possa portare nella contemporaneità della tradizione sarda in fatto di nozze?
Ciò che abbiamo realizzato con le wedding Bags al matrimonio di Elisabetta e Brian è proprio questo, mixare una novità racchiudendo al suo interno la tradizione.
Ma sono anche dell’idea che chi ancora sceglie un matrimonio tipico in tutto e per tutto, come quello Selargino, non debba cedere alle contaminazioni, perchè racchiude millenni di storia al suo interno.

Sul tuo sito ho visto che organizzi matrimoni in bellissime location tra cui velieri e spiagge meravigliose come il Maklas di Cala Sintias. Quali sono stati i matrimoni più suggestivi che hai organizzato?
I matrimoni in veliero sono sempre suggestivi, per il fascino della navigazione e per la complessità dell’organizzazione. Ma il più suggestivo rimane per ora il matrimonio milionario in Costa Smeralda, dove abbiamo avuto il budget e la fiducia da parte dei clienti per poter realizzare un evento da mille e una notte: con 3500 candele, 400 cuscini e due tir da dodici metri l’uno di fiori direttamente dall’inghilterra, non si poteva che creare una ambientazione da favola. Ho realizzato per loro un dancefloor in stile Gatsby con candelieri e ombrellini di pizzo a sospensione, e una band swing che ha cantato dal vivo fino all’alba. Magico.

Quali progetti hai ora in cantiere per il 2015?
Parteciperò al Congresso mondiale per i Wedding Planner di lusso “Engage!14” che si terrà a Grand Cayman, rappresentando l’Italia, e alla seconda edizione del DWP Congress a Mauritius (l’anno scorso, ad Atene, mi consegnarono il WOscar). Mi dedicherò di più al Destination Wedding Planning, cioè organizzare il matrimonio in paesi stranieri.
Nel 2015 vorrei finire il mio libro, che è in cantiere da due anni ma non ho il tempo di dedicarmici se non in aereo.
Infine l’Academy di EMEvents per i corsi di formazione subirà un rinnovamento ed orienterà i corsi esclusivamente al mercato del lusso.

Se potessi scegliere di chi vorresti organizzare il matrimonio?
Ricevere ogni cliente è sempre una grande sorpresa. Ma ho due sogni fin da ragazzina.
Per l’Italia il mio Big Deal sarebbe Laura Pausini. Oltre ad essere una sua grande fan, è fidanzata con un sardo, Paolo Carta, per cui sarebbe un onore ed un orgoglio speciale (come per Elisabetta Canalis) poter collaborare al design del loro evento.
Un’altro sogno sarebbe Lola Ponce. A 16/17 anni ero performers in Notre Dame de Paris, potete immaginare che mito per chi come me è cresciuto nel Musical!

Ora sei impegnata alla preparazione di una speciale iniziativa a Sassari “The Wedding Show” dal 25 al 27 settembre. Di cosa si tratta?
The Exclusive Wedding Show è un evento di tre giorni che riunisce i più rinomati professionisti del settore matrimonio del nord sardegna. Per la prima volta ci siamo riuniti per offrire ai futuri sposi una visione completa di ciò che potrebbe essere il loro matrimonio, con quattro installazioni scenografiche, una per ogni stagione, che contengano all’interno tutti gli elementi indispensabili: fiori, attrezzature, cibo, gioielli, abito, e così via.
Sarà contornato da mini eventi di approfondimento, come show cooking, interviste “inside the wedding planning”, e una sfilata conclusiva della stilista Elisabetta Delogu, che presenterà la nuova collezione. E’ ora che anche il mercato sardo riconosca e apprezzi le sue eccellenze!
Sarà presente Elle come rivista specializzata.

Tu organizzi anche dei corsi. Nei prossimi mesi ne hai già in programma?
Certo. L’Academy è attiva già da tre anni con una ottantina di allievi l’anno.
Si può scegliere se partecipare solo ai corsi di Event Staff o di Wedding Lab, per i soli appassionati o chi desidera lavorare con noi come Staff, oppure completare l’offerta formativa con l’Avviamento alla Professione del WP, il modulo finale per chi desidera mettersi in proprio.
Tutti i corsi sono certificati e mi vedono come docente tra altri nomi rinomati del panorama nazionale.

Presto tutte le foto di Elisa, dai suoi matrimoni da favola sino a qualche anteprima delle nozze della Canalis
Guarda la puntata di Verissimo con il film del matrimonio Canalis-Perri

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *