La cucina ai tempi del Coronavirus diventa un libro grazie ad Anna Prandoni e Gaia Menchicchi

In un marzo come gli altri io e Anna Prandoni, divulgatrice enogastronomica dalla grande professionalità e preparazione, ci saremmo incontrate ad un evento sulle eccellenze italiane, come l’immancabile appuntamento con Identità Golose, o all’apertura di un nuovo ristorante, ma non questo marzo. Oggi ognuna di noi vive la quarantena nella propria abitazione e Instagram fa da finestra verso il mondo dell’una e dell’altra, regalando sprazzi di quotidianità fuori dall’ordinario.
Così l’altra sera ci siamo scritte e mi ha informata dell’uscita del suo nuovo libro. Un libro certo non programmato, ma venuto fuori di getto, dalla situazione che ognuno di noi sta vivendo, da una quotidianità tra le quattro mura di casa in cui il cibo più di ogni altra cosa acquisisce un significato diverso: necessità, preoccupazione, tema centrale nei discorsi e nei titoli dei giornali, ma anche conforto, sfogo e calmante.
La cucina può essere un vero e proprio balsamo per l’anima e per il corpo, quando tutte le altre certezze crollano” si è detta Anna e così ha preso forma un libro, che uscirà domani, frutto del suo lavoro e di quello della fotografa Gaia Menchicchi. Inoltre il libro sarà un modo per stare vicino a chi ne ha più bisogno ora e l’intero ricavato andrà in beneficenza. Continua a leggere

La primavera è arrivata: facciamola entrare in casa per sentirci meglio

Sono giornate strane, diverse e complicate, in cui l’umore altalena momenti di normalità ad altri più pessimisti. Fuori dalle nostre case però la natura continua a vivere i suoi cambiamenti, i suoi tempi e le sue metamorfosi, così senza che noi ce ne accorgiamo l’inverno ci lascia e arriva una nuova stagione di rinascita, di bellezza e colori. E’ infatti arrivata ieri la primavera, quest’anno con un giorno in anticipo, le magnolie, i ciliegi e i peschi sono in fiore. Tuttavia questa volta non possiamo goderne i profumi e i colori, posticipando questo momento a più avanti, quando tutto sarà risolto.
Ma la primavera può entrare nelle nostre case, dandoci reali benefici sul nostro umore e sulla nostra psiche, bisognosa di volare con la mente a pensieri positivi.
Come farlo? Ecco qualche consiglio per vivere la primavera in questa quarantena, destinata a durare ancora per diverso tempo.Perché come ha detto il professor Raffaele Morelli poco fa su Facebook: “Anche nelle tempeste della vita ognuno di noi ha il compito di prendersi cura di sé“.

Tulipani italiani diventa Virtuale

Ormai è diventato per i milanesi e non solo un appuntamento fisso con la primavera, la bellezza e i fiori. Sto parlando del meraviglioso campo di Tulipani Italiani di Edwin Koeman che ogni anno chiama a se migliaia di visitatori, attirati da tanta bellezza, dall’esperienza di passeggiare in una distesa di fiori e di poterne cogliere qualcuno. Purtroppo quest’anno non sarà possibile vista la situazione e allora Edwin e il suo staff, che nei mesi scorsi hanno piantato oltre 558.000 bulbi di tulipano, hanno deciso di regalare l’emozione della fioritura a distanza. Un meraviglioso per far vivere la primavera e per respirare un po’ di ottimismo e positività.
Grazie al NUOVO GRUPPO FACEBOOK Tulipani Italiani FanPage Esclusiva, Tulipani Italiani diventa Virtuale, potrete infatti guardare i tulipani e lo sviluppo del campo senza perdere nulla, stando a casa! Tutti i giorni verranno pubblicate tantissime foto, video, video in diretta interattivi, un VideoTour in 3D. Per accedere al Gruppo è necessario l’acquisto di un Buono di ingresso Open sul sito che potrà essere utilizzato quest’anno o, nel caso non fosse possibile aprire nemmeno più in là, l’anno prossimo. Si dovrà quindi cercare su Facebook Tulipani Italiani FanPage Esclusiva e chiedere l’iscrizione al Gruppo.
Parte del ricavato andrà devoluto all’ Ospedale Guido Salvini di Garbagnate Milanese. Continua a leggere

Il mondo della moda e del lifestyle contro Covid – 19: fare shopping fa bene

E’ una straordinaria e attiva corsa alla solidarietà quella che in queste ore si sta attivando tra i brand del mondo lifestyle italiano e non solo. C’è chi infatti attiva raccolte fondi per sostenere gli ospedali, chi interviene economicamente per aiutare la propria città e chi realizza iniziative per coloro che in queste ore sono colpiti dall’emergenza.

Sergio Rossi. Fare shopping in queste ore? Uno straordinario gesto di solidarietà.

Sergio Rossi, il brand italiano di calzature, amatissimo dalle donne di tutto il mondo, ha scelto di agire concretamente supportando l’ASST Fatebenefratelli – Sacco di Milano con una donazione di €100.000 e lanciando una sfida a tutte le donne che da anni amano indossare le nostre collezioni. Fino a domani infatti il 100% delle transazioni effettuate su SergioRossi.com verrà devoluto alla lotta contro il Covid-19. Continua a leggere

Il gruppo Pronovias scende in campo e sostiene il personale ospedaliero di tutto il mondo

Il mondo intero sta vivendo in queste settimane un’emergenza senza precedenti e sono tanti i gesti di solidarietà da parte delle aziende e degli imprenditori nazionali ed internazionali a sostegno degli ospedali, del personale medico e delle associazioni. Già ieri vi ho fatto un piccolo resoconto di come il settore moda è intervenuto in Italia per far fronte all’emergenza e sostenere gli ospedali, la Croce Rossa e la Protezione Civile.
Anche il mondo sposa interviene ora e compie un gesto di grande solidarietà a tutti coloro chein queste ore stanno lavorando per la salute dei cittadini negli ospedali, nei pronto soccorsi e negli ambulatori. Perché è bene ricordare che chi sta intervenendo quotidianamente nella lotta contro il virus sono operatori sanitari sì, ma soprattutto ci sono uomini e donne dietro a quei camici e a quelle mascherine.

E così il gruppo Pronovias, leader mondiale nel settore bridal di lusso, ha deciso di donare abiti da sposa alle promesse spose che lavorano in ospedale e che sono impegnate in prima linea contro la pandemia di COVID-19.

Il gruppo mesi fa aveva già avviato il programma in Cina all’inizio dell’anno e ha già fornito meravigliosi abiti da sposa a molte infermiere e dottoresse cinesi in procinto di sposarsi. Ora il gruppo estende l’iniziativa ad altri Paesi nel mondo.

In linea con il proprio impegno nel vestire i sogni delle spose di tutto il mondo, il gruppo Pronovias offrirà quindi abiti da sposa a tutte le impiegate ospedaliere in procinto di sposarsi, dal personale medico e infermieristico fino alle addette alla portineria e alla ristorazione. L’iniziativa della società intende celebrare lo straordinario altruismo messo in campo nella lotta contro questa pandemia globale.
L’iniziativa per questo motivo è una straordinaria azione di solidarietà globale perché abbraccia l’intero mondo e vede la partecipazione di tutti i brand del gruppo: Pronovias, Nicole Milano, St. Patrick e White One.

Per questa importante occasione, Alessandra Rinaudo, direttrice artistica del gruppo Pronovias, ha curato così il progetto “THE HEROES COLLECTION”, selezionando appositamente per queste spose una vasta gamma di meravigliosi abiti esclusivi. Alessandra Rinaudo ha usato queste parole per descrivere le donne che attualmente sono impegnate in prima linea: “paladine inarrestabili nella loro battaglia per la cura dei malati.” E ha aggiunto: “È per me un onore mostrare il mio impegno e accrescere la consapevolezza nei confronti di queste donne che stanno facendo tutto il possibile per superare la pandemia. L’amore vince su tutto.”

Amandine Ohayon, CEO di Pronovias, ha sottolineato la “gratitudine [del gruppo] nei confronti di queste eroine che lavorano senza sosta negli ospedali di tutto il mondo mettendo a repentaglio la propria vita per salvare quella degli altri.” E ha poi concluso: “Donare i nostri abiti da sposa a delle donne meravigliose è il minimo che possiamo fare per portare gioia e felicità al loro matrimonio, facendole sentire stupende e impeccabili.
Con lo slogan #LoveConquersAll – l’amore vince su tutto – il gruppo Pronovias vuole condividere un messaggio d’amore e di altruismo nel periodo di incertezza e sofferenza che stiamo attraversando, nella speranza che le spose potranno celebrare quanto prima il loro amore.

“Sono onorata di poter contribuire a regalare un sogno a queste meravigliose donne” ha dichiarato Nicole Cavallo a capo del brand Nicole Milano, “il nostro è il modo di dire grazie, un modo per ricambiare l’inestimabile lavoro che stanno facendo per tutti noi. Siete delle eroine!”

Tutte le promesse spose che lavorano negli ospedali e che hanno contribuito a fronteggiare la crisi attuale hanno quindi diritto ad un abito da sposa gratuito fino al 31 agosto 2020. THE HEROES COLLECTION sarà disponibile esclusivamente nei flagship store. Negozi Pronovias: Spagna (Barcellona, Madrid – Velázquez, Siviglia), Italia (Roma, Milano), Francia (Parigi, Lione, Marsiglia) Portogallo (Lisbona), Regno Unito (Londra), Stati Uniti (New York, Los Angeles, Miami, Houston) e Messico (Città del Messico). In tutti i negozi Nicole in Italia.

Covid-19 e solidarietà: la moda non sta a guardare

Tra i pregi del nostro Paese è sempre stata riconosciuta la generosità e la volontà di scendere in campo per gli altri, si tratti di piccole o grandi cause. Non poteva essere altrimenti quindi anche per l’emergenza che stiamo vivendo in questi giorni e che sta dimostrando ancora una volta che gli italiani hanno un grande cuore. Notizia di queste ore è per esempio la donazione da parte del presidente Silvio Berlusconi di 10 milioni di euro per costruire l’ospedale all’interno della Fiera di Milano. Medesimo gesto di generosità da parte di Giuseppe Caprotti e dalla Famiglia Agnelli.
L’imprenditoria italiana quindi offre una mano alla sanità di questo Paese e ai suoi cittadini. Ma la moda non è da meno infatti sono tantissime le aziende che in questi giorni hanno dimostrato la propria generosità in modi diversi.
Il primo a farlo è stato Giorgio Armani che, oltre a sfilare a porte chiuse, dando un segnale forte di responsabilità, quando ancora in molti sembravano scettici, ha donato oltre 1 milione di euro a favore degli ospedali San Raffaele e Sacco di Milano, Spallanzani di Roma e della Protezione Civile. Continua a leggere

Stare a casa in questi giorni: come rendere speciale la quotidianità della quarantena

Sono giorni particolari, difficili e che nessuno di noi si sarebbe immaginato di vivere. Ognuno di noi è chiamato a fare il proprio dovere di persone responsabili, di cittadini, di italiani. Dobbiamo quindi stare tutti a casa, così come ci hanno detto le istituzioni, per contenere il virus e vincere questa sfida.
Tuttavia, soprattutto nell’era moderna, sembra una missione non semplice, così abituati alle comodità, alla libertà di movimento e di azione.
Per rendere la vita tra le mura domestiche facile, comoda e perché no, anche piacevole, ecco alcune aziende che, alla luce del momento che stiamo vivendo, hanno pensato di offrire ai cittadini servizi ad hoc, da delivery di prodotti da mettere sulla tavola, a bouquet per fare una sorpresa alla moglie, fino a cene stellate da gustare nella propria casa. Ecco quindi una piccola guida del meglio che gli italiani possono “vivere” a domicilio, per rendere questa quarantena un po’ più dolce. In attesa che tutto passi.

La Spesa a Casa
Sappiamo tutti quanto sia complicato oggi fare la spesa e molte grandi catene di supermercati, che abitualmente offrono la consegna a domicilio, sono state letteralmente prese d’assalto. Al momento fino a fine mese per esempio a Milano è quasi impossibile trovare un supermercato che consegni. Ecco allora chi può risolvervi questo problema.

Mercato Comunale di Wagner a Milano


E’ uno dei punti nevralgici della metropoli in fatto di gusto. Qui, dove un tempo c’era un mercato, ora c’è qualcosa di più: una selezione di prodotti, un’ampia varietà di eccellenze del territorio italiano e un servizio sempre attento al cliente, con attenzioni, cure e soluzioni che rendono la spesa una vera e propria esperienza. Come già normalmente viene fatto da molti banchi del mercato, anche e soprattutto in questi giorni è possibile farsi consegnare la spesa a casa. Qui c’è di tutto: dal trionfo di formaggi di Elleesse Formaggi al pollame della Polleria di Alberto, dalla carne della Macelleria Catalano fino alla trippa.

L’Orto di Jack


L’Orto di Jack è un ingrosso ortofrutticolo, che normalmente serve ristoranti e hotel, ma che, vista la situazione che stiamo vivendo, ora mette a disposizione il proprio personale per consegne a domicilio di frutta e verdura. Inoltre potrete trovare anche olive, uova e legumi. La consegna è prevista sia a Milano che nell’hinterland.
Basta inviare un WhatsApp al numero +39 3319823122 o una mail a ordini@lortodijack.it con la lista della spesa, nome e indirizzo di consegna. La riceverete a casa, gratuitamente, il giorno seguente. Il pagamento può avvenire alla consegna con contanti o bancomat. Inoltre i prezzi applicati sono quelli dedicati alla ristorazione, quindi sicuramente vantaggiosi!

L’Agriturismo Ferdy direttamente a casa


In Val Brembana, per l’esattezza a Lenno, si trova un vero e proprio Paradiso, per gli amanti della natura, degli animali, del benessere, ma anche dei buongustai. L’Agriturismo Ferdy infatti è un’oasi di pace, grazie alla sua atmosfera, ma si sa di questi tempi purtroppo non è possibile andare in loco per vivere l’esperienza che può regalare a chi vi vuole soggiornare o semplicemente gustare le prelibatezze della sua cucina. Ecco allora che il servizio di delivery, apprezzatissimo già da diverso tempo grazie a prodotti genuini e squisiti come i formaggi d’alpeggio, i salumi, le famose polpette di Ferdy o i budini, ora si fa in quattro per soddisfare le esigenze dei propri clienti. Ora è possibile ordinare online anche il ragù, amatissimo dagli abituè del ristorante.

Cortilia


Non ha bisogno di presentazioni grazie ad una fama costruita con l’apprezzamento da parte di chi l’ha provata, nonché un passaparola costante, ma Cortilia anche oggi, in una situazione così complessa, continua a soddisfare le richieste esigenti e puntuali dei suoi clienti. All’interno del suo store online potrete trovare migliaia di prodotti, dalla verdura ai formaggi, dal miele alla pasta. Tutto proveniente da produttori selezionati, che al centro mettono la qualità. Al momento, vista la grande richiesta di consegne, il servizio è un po’ saturo, ma stanno lavorando per aiutare meglio i propri clienti.

Il pesce dal mare alla tavola

Ittica Urbano – Artigiani del mare


Nella Capitale sono i re del pesce e non solo. Sì perché Ittica Urbano porta sulle tavole dei romani e non solo tutte le eccellenze del mare, dal pesce fresco ai crostacei, dai molluschi alle ostriche più amate, quelle di Huitres Amelie. Inoltre nel vasto elenco di prodotti da acquistare anche salmone affumicato, tartare e prodotti pronti per essere cotti.
Ma non finisce qui perché hanno pensato proprio a tutto ed ecco che a casa è possibile gustare una cena di pesce, proprio come seduti comodamente nel proprio ristorante preferito. Alla luce infatti degli avvenimenti di queste settimane è nato infatti il servizio “Tu cucino io consegno“: è possibile infatti farsi consegnare gli spaghetti alle vongole, la grigliata mista o la catalana di crostacei del ristorante più vicino che ha aderito all’iniziativa, comodamente a casa.

Pescheria Mediterranée di Saronno


A Saronno invece c’è la Pescheria Mediterranee che consegna a domicilio, senza limiti di spesa. Una vasta scelta di pesce ogni giorno, selezionato e di prima qualità. Sul sito è possibile trovare i contatti per conoscere il pescato del giorno e fare l’ordine.

Gustare una cena tre stelle a casa con Da Vittorio si può


Come ogni ristorante in Italia, anche Da Vittorio, tre stelle Michelin, di proprietà della Famiglia Cerea è chiuso. Tuttavia in quel di Brusaporto è nata un’idea, a seguito della chiusura di questi giorni. Una soluzione che permette di poter continuare a gustare, a casa propria, un’offerta gastronomica a tre stelle. Enrico e Bobo Cerea hanno infatti ideato tre differenti menù (di pesce, di carne e vegetariano) di 4 portate ciascuno da ordinare e ricevere direttamente a casa.
Per chi volesse, sarà possibile anche creare menù personalizzati o richiedere un cuoco a casa.
Il menù a base di pesce prevede Insalata di piovra alla galiziana, Riso Pilaf con gamberi al curry, Branzino con caponata di verdure alla siciliana e infine Tiramisù. Prezzo: 120 euro

Il menù di carne invece: Polpettine di vitello con piselli e crema di sedano rapa, Gnocchetti di ricotta e patate con fricassea di vitello e maiale, Oyster Blade affumicata, patata prezzemolata e spinacino novello, per chiudere con Divina (dolce al cioccolato). Prezzo: 100 euro

Infine la proposta vegetariana include Asparagi alla mimosa con salsa Mornay, Crespella con fonduta di crema di piselli, Erbazzone al forno, stracciatella, olive taggiasche e pomodoro confit e Bolero (dolce a base di pistacchio e fragole glutee free) Prezzo: 90 euro
Per ordinare il proprio menù basterà contattare il numero 035 681024 oppure inviare una mail a info@davittorio.com: la consegna avverrà direttamente a casa.

Tannico: il vino che arriva a casa e che fa bene


Tannico è l’enoteca online più grande d’Italia, apprezzata da estimatori e appassionati, ma anche da chi vuole bere bene e ricevere comodamente a casa le etichette scelte. Ora però fa di più e scende in campo per dare il suo contributo durante questo difficile momento tramite una raccolta fondi, attiva fino al 3 aprile, a favore dell’ASST Fatebenefratelli Sacco.
Tannico, che ha sede proprio a Milano, ha infatti voluto aiutare concretamente la comunità e chi affronta l’emergenza in prima linea, decidendo di donare 1 euro all’ASST Fatebenefratelli Sacco per ogni bottiglia che sarà acquistata da una apposita selezione sul proprio sito. La spedizione sarà inoltre gratuita su tutto il territorio nazionale.

Ecco le cantine che hanno partecipato all’ iniziativa:
Cà Maiol, Ca’ del Bosco, Cantine Ferrari, Cantine Pellegrino 1880, Casa Rojo, Contadi Castaldi, Feudi di San Gregorio, Frescobaldi, Hofstätter, Kettmeir, Lamole, Masciarelli, Mesa, Moët Hennessy, San Leonardo, Santa Margherita, Tasca d’Almerita e Tommasi.

“Cosa porto” pensa alle nostre tavole, ma anche a chi è in Ospedale


Cosa Porto è il primo delivery di eccellenze d’Italia e si è fatto conoscere nei mesi scorsi per aver risolto l’annosa questione di cosa portare a cena quando si è invitati o semplicemente come rendere un pranzo, una cena e persino una colazione davvero speciali. Potrete infatti fare colazione con i dolci di Roberto Rinaldini, o gustare come foste in Sicilia i cannoli siciliani di Ammu o infine assaporare la cucina dello chef Filippo La Mantia. Ora però ha pensato di fare di più e di venire incontro alle esigenze di questi giorni degli italiani.
Ha infatti creato all’interno del sito la sezione “A CASA CON GUSTO” dove insieme ai suoi partner ha creato dei box “smart working” dedicati sia ai dipendenti che lavorano da casa sia ai ragazzi/studenti che sono a casa. Box salutari ma anche gustosi. Ma anche prodotti proprio per le famiglie: Pane, Frutta, Colazioni, Lunch.
Inoltre ha attivato la consegna “CONTACTLESS” attraverso la quale i “Porter” lasceranno i prodotti con il packaging previsto davanti alla porta e saluteranno il cliente alla distanza minima prevista per rispettare le più recenti disposizioni sanitarie.
Infine ha attivato la consegna gratuita su tutti gli ordini con il codice “ACASACONGUSTO”.
Ma non è bastato a Cosa Porto e allora qualche giorno fa ha consegnato ai dottori e agli infermieri dell’Ospedale Sacco di Milano la colazione grazie alla collaborazione di quattro partner d’eccezione: Davide Longoni, Pasticceria La Madernassa, Roberto Rinaldini e Filippo La Mantia.

Un mazzo di fiori per un sorriso in più

Colvin: porta un po’ di primavera in casa

Sembra una cosa da poco, ma in questo momento sono le piccole cose a renderci le giornate speciali, oltre che più facili da superare. Ecco allora che un fiore può far tornare il buonumore. Colvin è il sito che può così portarvi a casa un pezzo di primavera oltre che di ottimismo. Sul sito bouquet diversi e piante per abbellire la casa.

Drogheria Cirla: il negozio storico che parla il linguaggio del futuro


E’ uno di qui negozi storici di Monza, uno di quei luoghi dove è possibile trovare tutto e ancora di più, ma soprattutto dove è possibile avere sempre una risposta a cosa mettere in tavola o cosa regalare ad un amico. La Drogheria Cirla è un’istituzione per i monzesi, ma non solo perché ormai la sua presenza è diventata qualcosa di costante anche sui social, grazie ad un linguaggio che si evolve e che risolve le richieste dei clienti. Ora più di ieri. Ed ecco allora che anche in tempo di Coronavirus è possibile ordinare le meravigliose prelibatezze e riceverle a casa.

Alessandra Rinaudo: “Con Pronovias faccio sentire bella ogni donna come su un red carpet”

Sono trascorsi alcuni mesi ormai dal grande annuncio che ha destato l’interesse del mondo bridal e di quello imprenditoriale italiano. Alla guida del team creativo del brand di abiti da sposa più famoso al mondo, Pronovias, è infatti arrivata Alessandra Rinaudo, una donna straordinaria che ha cambiato radicalmente il concetto di moda sposa in Italia negli ultimi anni e che ora, con la sua professionalità, eleganza e raffinatezza è pronta a conquistare il mondo del bridal e non solo con il suo sorriso umile e sincero e con una visione ben chiara della donna di oggi.
E’ una donna infatti molto simile a lei quella che da fatto innamorare le spose italiane prima con Nicole e ora con Pronovias: una donna autentica, che vuole sentirsi bella, moderna, decisa, forte, romantica sì ma con le idee chiara, amante della moda e del glamour.
Oggi a distanza di mesi dalla sua nomina e a poche settimane dall’avvio delle bridal week di tutto il mondo, compresa quella di Barcellona dove scenderà in passerella proprio Pronovias, Alessandra Rinaudo ha tirato un po’ le somme con me di questo periodo di grandi cambiamenti, professionali e privati, perché per lei, donna che veste star di Hollywood e fa sognare il mondo, la cosa più importante resta sempre la famiglia, la stessa che con lei ha condiviso scelte e trasformazioni, quella che con passione porta avanti il sogno iniziato dalla madre tanti anni fa e che ogni giorno sente per pianificare sì il lavoro, ma anche per le piccole grandi cose di cui ogni mamma vuole essere al corrente.
E’ da questo suo essere sempre la ragazza di Saluzzo semplice e concreta, innamorata della famiglia, amica presente e attenta che arriva il segreto del successo. Lo stesso che ha portato in Pronovias, con gli occhi emozionati di chi ancora sa sognare (e far sognare) in grande. Sempre. Continua a leggere

Nicole Cavallo: un talento italiano alla conquista del mondo

Un anno fa incontravo Nicole Cavallo nell’atelier di Nicole Milano e da poco aveva iniziato a seguire la parte social del brand. Oggi la ritrovo nello stesso luogo ma davanti a me ho la Creative Director di Nicole Fashion Group. A ventitré anni la determinazione, la tenacia e l’energia di questa ragazza, che sin dalla culla ha respirato il mondo della moda sposa in casa, grazie alla nonna capostipite di un impero, alla madre Alessandra Rinaudo, stilista di enorme successo e al padre Carlo Cavallo, uomo di marketing che in Italia conosce il mondo sposa come nessun altro, si toccano letteralmente con mano. Basta guardarla negli occhi infatti per capirne l’animo, di chi sa sognare grandi cose ma che allo stesso tempo ha i piedi ben ancorati a terra. Il segreto sicuramente sta negli insegnamenti, sia umani che professionali, di una famiglia sempre presente, anche se a volte si è a km di distanza. Oggi che lei è a capo di Nicole e la madre è Direttore Creativo di Pronovias, sono loro due le donne del wedding, diverse per età e stile, ma non per tenacia e cuore. Ad un mese di distanza dal grande e attesissimo fashion show (che quest’anno riserva enormi sorprese già a partire dalla location) ho scoperto cosa ci regalerà Nicole per i prossimi mesi, comprese alcune novità che mi ha svelato in esclusiva (all’interno dell’articolo troverete anche in anteprima alcune immagini della collezione 2021. Una vera chicca per voi!). E il mio consiglio è di non perderla di vista! Sì perché se l’anno scorso avevo intitolato la mia intervista “E’ nata una stella” ora posso affermare che la stella sta brillando di una luce nuova.

Tutto pronto per il 22 marzo?
Ci stiamo lavorando con grande entusiasmo e impegno. Quest’anno la sfilata sarà a Milano. Dopo così tanti anni abbiamo deciso di cambiare location, perché Milano rappresenta al 100% il nostro brand e perché essendo la capitale della moda, incarna perfettamente l’anima di Nicole, soprattutto in questo momento. E’ un grande passo. Nella stessa location si vivrà appieno la nuova collezione Nicole, con la sfilata e a seguire la convention. Continua a leggere