Capelli e make up: ecco i trend di stagione firmati Papalù

Primavera ormai inoltrata e nell’aria c’è già voglia di estate. Non solo di vacanze però ma anche di leggerezza, cambiamenti e libertà a partire dal look.
Ecco allora che anche capelli e make up si ispirano a questa nuova stagione seguendo tendenze all’insegna della naturalezza e dell’autenticità.
Per scoprire tutti i trend e i must di stagione ho intervistato Sabrina Palumbo, Hair Specialist a capo di Papalù Parrucchieri a Milano in Via Marghera, e Simona Tonani, make up Artist.
Sono loro infatti le esperte dei look delle milanesi e non solo e per l’estate ci raccontano tante novità tutte da seguire.

Tendenze taglio per questa stagione?

Per questa stagione la parola d’ordine è: autenticità. Noi come Papalù, ma anche in generale, si punta sulla personalizzazione e su un effetto naturale, sulla possibilità di lasciare la cliente libera di potersi gestire il look a casa. C’è voglia di sentirsi liberi anche per quanto riguarda i capelli.
Morbidezza e naturalezza sono due punti importanti. Dopo anni di bob e long bob torniamo a fare lo scalato. Per le più audaci lo shaggy e il mullet. Un dato interessante è che la differenza tra un taglio uomo e donna si sta sempre più assottigliando. Il mullet infatti è un taglio genderless che si può rendere più sofisticato o più rock.
Questo taglio è stato lanciato da Ursula Corbero nella Casa di Carta.
Invece per quanto riguarda il taglio shaggy sono scalatore importanti e i capelli devono essere texurizzati ma liberi nei movimenti.

Per quanto riguarda la frangia piace la Curtain bangs, per intenderci la frangia a tendina, che sta conquistando tutti, persino Jennifer Lopez e Dakota Johnson non hanno saputo resisterle.

La frangia piena sul long bob continua a piacere. L’ha presentato recentemente anche Kate Moss in un bellissimo servizio.

E per quanto riguarda il colore?

I colori sono sempre più glow, più luminosi e trasparenti, con un effetto naturale ma anche con giochi di contrasti importanti. Vengono utilizzate sempre di più le erbe tintorie ma anche le colorazioni vere e proprie sono sempre più trasparenti, lasciando alle spalle quell’effetto tinta degli anni passati. I colori devono valorizzare i movimenti e per questo sono tridimensionali. Si punta tantissimo sulla luce!
Per le più scure piacciono molto i toni del viola morbidi, effetti chocolate lillac o purple per tocchi più vibranti e intensi.

Per le bionde effetto balayage californiani che hanno un effetto sfumato dato da un gioco di movimenti naturali e spesso le bande sul davanti più chiare. La novità è che i biondi si iniziano a scaldare, non sono più così iced come nelle passate stagioni. La gente, un po’ per il cambio di stagione e un po’ anche per quello che abbiamo vissuto, cerca tonalità più calde con tonalità che virano sul beige.
Per quanto riguarda invece i colori glow pastello troviamo il colore cipria, il rosa gold, il color giada e la carta da zucchera. Tutti con effetti vedo non vedo, molto sofisticati.
Una tendenza molto forte sono le colorazioni nude, che ha lanciato proprio ora Kevin Murphy, che si rifanno al make up con le tonalità degli ombretti.

Make up di stagione: quali sono le tendenze?

Per l’arrivo della primavera estate il make up si fa sicuramente più luminoso, leggero e vivace. Per la base si punta a nuove formule di fondotinta, arricchiti da una parte più idratante e liftate e una parte ovviamente di protezione data dal’ SPF che è diventato fondamentale.
La texture ideale è fluida e leggera perchè il finish è radioso.
Il più usato sicuramente è il blush per ravvivare l’incarnato. Io consiglio di applicarlo appena sopra la mascherina, un po’ più su rispetto al solito. Questo richiama gli anni ’70.

Con l’uso della mascherina poi ovviamente il focus è sullo sguardo.
Un ruolo fondamentale lo hanno le sopracciglia, che il trend vuole ben pettinate verso l’alto e definite con gli appositi gel brow. Per amplificare lo sguardo la cosa migliore è utilizzare un mascara volumizzante nero e sicuramente non passeranno inosservate le nuove linee grafiche fatte con gli eyeliner o neri o color fluo, un vero e proprio trend di stagione.
Le palette ombretti invece sono da prediligere quelle dai toni caldi, intensi e vivaci.
Colori must di stagione sono l’arancio, il corallo e il giallo in tutte le sue sfumature. Nei toni freddi, che sono comunque i più sofisticati, troviamo i marroni rosati, i grigi e i rosa (soprattutto rosa cipria).

E le labbra, ormai trascurate in questi ultimi tempi?

Si ormai ce le siamo un po’ dimenticate dietro alla mascherina. Tuttavia è il momento di farle tornare trionfanti.
Io opterei per due soluzioni: per chi vuole una lunga tenute scegliere le tinte no trasfer e tra queste le migliori sono le tonalità vivaci del rosso, per chi invece preferisce labbra più neutre e ben idratate c’è varia scelta tra i rossetti con un effetto più gloss, con colori più soft. Questi ultimi hanno ingredienti nutrienti come l’olio di jojoba e il burro di karitè.

Sempre con Sabrina e Simona questa settimana parleremo di tendenze sposa e armocromia

La cura delle pelle a gennaio con i consigli di Marina Mazzolari

Lo sappiamo bene, noi donne quando arriva gennaio iniziamo la corsa alla remise en forme, prendendoci di nuovo cura del nostro corpo, non solo per perdere qualche kg dopo i pasticci delle feste, ma anche per tonificare, detossinare e sentirci bene con noi stesse.
Palestre chiuse e poca attività fisica sono certamente i nemici di questi buoni propositi dell’anno nuovo, ma grazie a prodotti mirati e a trattamenti che è possibile fare in saloni specializzati, ma anche a casa, è possibile ottenere ottimi risultati per il nostro benessere.
Ho pensato così allora di farmi dare da una vera esperta di bellezza tutti i consigli utili per la cura della nostra pelle post vacanze, sia del corpo che del viso. Ad aiutarci con indicazioni mirate e prodotti specifici (oltre che deliziosi e interessanti contenuti sulla sua pagina Instagram) arriva quindi Marina Mazzolari, anima e cuore di una delle profumerie storiche d’Italia, la Profumeria Mazzolari, il paese dei balocchi per chi ama le fragranze, le creme e tutto ciò che ci rende più belle e affascinanti.
Grazie alle sue dritte avremo subito benefici sulla nostra pelle. Merito dell’esperienza incredibile che Marina ha sul campo (la sua famiglia si occupa di bellezza da decenni), di prodotti efficaci di cui vi innamorerete (come la sua linea omonima) e di tante beauty tips da annotare. Il mio consiglio poi è quello di farvi coccolare nel suo salone di bellezza al primo piano di Corso Monforte. Il vostro corpo e la vostra pelle vi ringrazieranno! Continua a leggere

Al Four Seasons il grande ritorno della domenica più amata dai milanesi e non solo

Ci sono abitudini che entrano nelle nostre vite e che ci fanno stare bene. Da sempre la domenica per esempio è il giorno per eccellenza dedicato alle abitudini, quei riti che rendono la giornata unica, riconoscibile, affidabile e accogliente. Prima era il pranzo della domenica a casa dei nonni, poi la gita fuori porta con i bambini, infine il teatro del primo pomeriggio magari terminato con una merenda golosa. Uno dei riti a cui i milanesi si sono maggiormente affezionati negli ultimi anni è il brunch. Arrivato come tutte le tendenze dall’estero si è fatto strada nelle nostre vite, facendoci amare da subito l’idea di sederci a tavola la domenica per qualcosa che fosse sia dolce che salato, non solo colazione ma nemmeno unicamente pranzo.
In città sono stati tanti a proporlo nelle vesti più diverse ed originali, ma è da sempre quello del Four Seasons che ha assunto tutti i connotati del perfetto e irrinunciabile appuntamento della domenica, sia per le famiglie che per gli amici, per chi deve festeggiare qualcosa o semplicemente vuole parlare d’affari ma farlo in maniera informale.
Sì perché nell’albergo più elegante di Milano, scelto da celebrities, uomini d’affari, stranieri innamorati di quell’Italia unica e squisitamente bella, il brunch è casa. E non è un modo di dire.
Torna così, dopo la pausa obbligata del lockdown e quella dell’estate, il Sunday Brunch del Four Seasons di Milano. Primo appuntamento, domani 20 settembre. Continua a leggere

Ritorno in città: come prendersi cura dei capelli e scegliere un look di tendenza

La ripresa del lavoro, il ritorno in città, l’agenda che si riempie di impegni e le vacanze che ormai sono un ricordo lontano. Ora che siamo già a metà settembre è ufficialmente ricominciata la quotidianità in città, ma spesso continuiamo a portarci dietro i segni dell’estate. L’abbronzatura che dura ancora qualche giorno, qualche vestitino leggero, ma anche i capelli spesso secchi e sciupati dal sole, il vento e la salsedine.
Ecco allora che per affrontare l’autunno è fondamentale prendersi cura dei capelli, affidandosi a prodotti di qualità e a grandi professionisti. Perché la cura della nostra chioma, così come un restyle del look sono le mosse giuste per una stagione nuova alle porte.
Per conoscere i trattamenti migliori, così come le tendenze di colore e taglio, ho intervistato per voi Sabrina Palumbo, a capo, insieme al marito Walter Vera, del salone milanese Papalù di Via Marghera, uno degli indirizzi più amati dalle donne in città grazie ad un’atmosfera unica e a un’attenzione al cliente fatta di passione, competenza e professionalità.
Infine per conoscere i trend in fatto di makeup mi sono fatta raccontare da Simona Tonani qualche consiglio per la nostra bellezza in fatto di trucco, colori e prodotti. Continua a leggere

Atelier Kore: l’eccellenza del Made in Italy, la qualità sartoriale e lo sguardo sempre rivolto al futuro

E’ stata una stagione strana per tutti noi e per chi lavora nel settore moda ancora di più. Una primavera che pare non esserci stata, tutti chiusi in casa senza poter sfoggiare quella tavolozza di colori pastello e quelle fantasie floreali che da mesi sapevamo sarebbero stati i trend di stagione. E invece le creazioni di migliaia di designer, stilisti e artigiani sono rimaste chiuse nei magazzini o dietro alle vetrine, in attesa che tornasse il sereno. Ora che finalmente si può parlare di estate c’è voglia di tornare alla vita, di recuperare il tempo perduto e di indossare qualcosa di nuovo, ancor meglio se frutto della creatività e della sapiente arte dei grandi professionisti italiani che da sempre sanno fare le cose meglio degli altri quando si parla di moda.
E’ un monito che da settimane noi giornalisti facciamo nostro, che ripetiamo con orgoglio, cercando di far sentire quel senso patriottico dell’orgoglio italiano, che passo anche dalla scelta di un vestito o di una borsa. Perché l’Italia si sostiene così, attraverso il lavoro dei suoi cittadini, spesso messi da parte per prediligere il risparmio, la fast fashion, qualcosa di accessibile che in realtà non ha un’anima e nemmeno tutta quella storia, quella maestria e quella ricerca che da generazioni il nostro popolo fa suo ed esprime in una borsa di pelle, in una camicia di seta, in una scarpa artigianale o in un abito da sera ricamato.
Forse sarà la volta davvero che invece di acquistare 5 costumi da bagno a poco prezzo, consce che non arriveranno alla prossima stagione, ne sceglieremo uno solo, ma realizzato con materiali di qualità, con le cuciture che non si smollano e quelle applicazioni rifinite in ogni dettaglio. Continua a leggere

Nicole Cavallo: un talento italiano alla conquista del mondo

Un anno fa incontravo Nicole Cavallo nell’atelier di Nicole Milano e da poco aveva iniziato a seguire la parte social del brand. Oggi la ritrovo nello stesso luogo ma davanti a me ho la Creative Director di Nicole Fashion Group. A ventitré anni la determinazione, la tenacia e l’energia di questa ragazza, che sin dalla culla ha respirato il mondo della moda sposa in casa, grazie alla nonna capostipite di un impero, alla madre Alessandra Rinaudo, stilista di enorme successo e al padre Carlo Cavallo, uomo di marketing che in Italia conosce il mondo sposa come nessun altro, si toccano letteralmente con mano. Basta guardarla negli occhi infatti per capirne l’animo, di chi sa sognare grandi cose ma che allo stesso tempo ha i piedi ben ancorati a terra. Il segreto sicuramente sta negli insegnamenti, sia umani che professionali, di una famiglia sempre presente, anche se a volte si è a km di distanza. Oggi che lei è a capo di Nicole e la madre è Direttore Creativo di Pronovias, sono loro due le donne del wedding, diverse per età e stile, ma non per tenacia e cuore. Ad un mese di distanza dal grande e attesissimo fashion show (che quest’anno riserva enormi sorprese già a partire dalla location) ho scoperto cosa ci regalerà Nicole per i prossimi mesi, comprese alcune novità che mi ha svelato in esclusiva (all’interno dell’articolo troverete anche in anteprima alcune immagini della collezione 2021. Una vera chicca per voi!). E il mio consiglio è di non perderla di vista! Sì perché se l’anno scorso avevo intitolato la mia intervista “E’ nata una stella” ora posso affermare che la stella sta brillando di una luce nuova.

Tutto pronto per il 22 marzo?
Ci stiamo lavorando con grande entusiasmo e impegno. Quest’anno la sfilata sarà a Milano. Dopo così tanti anni abbiamo deciso di cambiare location, perché Milano rappresenta al 100% il nostro brand e perché essendo la capitale della moda, incarna perfettamente l’anima di Nicole, soprattutto in questo momento. E’ un grande passo. Nella stessa location si vivrà appieno la nuova collezione Nicole, con la sfilata e a seguire la convention. Continua a leggere

San Valentino a tavola: cene indimenticabili per dirsi Ti amo

C’è il Raviolo rosso di barbabietola e King Crab di Gong, oppure il Gambero Viola con scorzonera, sedano rapa e tamarindo della Spurcacciun-a in riva al mare a Savona, o ancora i Tortelli ripieni di Mortadella in brodo di Soba (Shitake, verza, Pak Choi, polvere di anacardi) e tartufo fresco di Tartufi & Friends. Per questo San Valentino c’è davvero l’imbarazzo della scelta. La parola d’ordine però è stupire e regalare un’esperienza unica. Se ancora non avete programmato nulla per questa sera ecco qualche idea che certo lascerà a bocca aperta la vostra dolce metà.

Per la sera degli innamorati lo chef Guglielmo Paoulucci di Gong ha deciso di proporre dei dim sum dal colore rosso brillante preparati con pasta alla barbabietola e ripieno di King Crab. Belli da vedere e squisiti al palato. Continua a leggere

Si fa presto a scattare, ma a emozionare… Intervista a Michele Dell’Utri, il fotografo dei sentimenti

Si fa presto a dire fotografo di matrimoni. Una volta questo settore della fotografia era considerato come una seconda scelta, un mestiere di serie b, lontano da quello più serio e professionale del fotografo di reportage, di ritratti, di paesaggi. Ma col passare del tempo tutto cambia e così anche il matrimonio. Ecco allora che gli scatti del giorno più bello diventano qualcosa di diverso da quelle foto in posa con i parenti degli anni ’80, ma finalmente l’espressione più intima e commovente delle emozioni di quell’evento unico e speciale.
Un compito difficile, di grande responsabilità, perché come si sa con il matrimonio e così anche con le sue fotografie deve essere tutto “buona la prima” (o almeno si spera) ed ecco che agli inizi del 2000 nascono fotografi specializzati nelle emozioni, negli eventi più belli della vita di una persona, capaci di catturare quei sorrisi, quelle lacrime e quei gesti densi di significato e di sentimento.
Il valore del reportage, che fino ad allora era stato ad appannaggio degli eventi di cronaca o di costume, bussa alla porta del wedding e il matrimonio diventa un fatto da raccontare come un attento narratore, discreto nel non interferire con la realtà, ma dall’animo sensibile ed empatico, di chi conosce lo sfaccettato mondo dell’animo umano e lo cattura con l’obiettivo intelligente e aperto all’altro.

Ecco allora che in Italia, come nel resto del mondo, nascono grandi professionisti e uno fra tutti è senz’altro Michele Dell’Utri, siciliano doc ma ormai trapiantato a Milano, dove vive con la sua splendida famiglia, che con lui condivide non solo la vita, ma anche il lavoro. Nel suo dna scorre proprio quella fotografia di reportage che lo ha portato a scattare scorci di Italia, impressioni di uomini e donne nella loro quotidiana affermazione del proprio essere, fino ad arrivare alla fotografia di matrimoni. Nel suo portfolio vanta le nozze di migliaia di coppie da ogni parte del mondo, dall’imprenditore all’attore, dall’impiegato al manager, vantando un piccolo mondo che si dice sì, sempre con sentimento, genuinità e soprattutto verità.
Con una squadra di fotografi che lo segue ogni giorno (la Dell’utri Studio) per eventi, da quelli più mondani a quelli privati, ha all’interno del suo staff anche un elemento molto speciale, la moglie Loredana, sua metà amatissima e instancabile compagna di lavoro, nonché spesso grande amica di ogni sposa. Inoltre padre di tre figli ha tramandato ad essi l’amore per la macchina fotografica, tanto da avere anche al suo fianco il figlio Giuliano, promettente e talentuoso giovane fotografo.
Ma cosa significa essere oggi nel 2019 un fotografo di matrimoni? Quali sfide e quali caratteristiche sono necessarie? L’ho chiesto proprio a lui perché dietro ad una macchina fotografica c’è un mondo tutto da scoprire. Continua a leggere