Non il solito San Valentino: ecco le proposte per una cena indimenticabile

C’è il risotto ai borlotti con limoni di Amalfi e baccalà mantecato dei fratelli Cerea oppure lo Spaghettone tiepido, caviale, ricci di mare e cipollina di Carlo Cracco, oppure ancora la tartare di cervo vichinga di Valhalla o infine la Tetta di Veleno, il dessert provocateur e afrodisiaco del ristorante bresciano. Per questo San Valentino gli chef e i ristoranti di tutta Italia si sono davvero sbizzarriti per creare i menù più originali di sempre. Il fil rouge? Naturalmente il romanticismo. Ecco allora le proposte gourmet più interessante per una cena indimenticabile con la propria dolce metà.

Alla Cantalupa la cena più romantica dell’anno

Una serata indimenticabile quella in programma a Brusaporto e pensata dagli chef Enrico e Bobo Cerea del Ristorante Da Vittorio. All’interno della suggestiva cornice della Cantalupa la serata si aprirà con l’Air-bag di barbabietola alle uova di aringa, seguito dal Manzo marinato mandorle e camomilla e dalla Ceviche di branzino cocco e lime, concluendo con la Sarda farcita su crema di pomodoro arrosto e alghe confit. La cena proseguirà con il Risotto ai borlotti con limone di Amalfi e baccalà mantecato e l’Aletta di manzo al pepe, cotta a bassa temperatura con carciofo alla giudia e crema di broccoli. Il clou della serata è previsto con il Dolce di San Valentino (una vera sorpresa per gli occhi e il palato), seguito dall’immancabile Piccola pasticceria e dai Cannoncini live. Continua a leggere

Monnalisa sfila a Pitti Bimbo e incanta con i suoi abiti da sogno

E’ stata la serata più attesa a Pitti Bimbo nonché quella con l’atmosfera più emozionante. Stiamo parlando ovviamente della sfilata di Monnalisa, che si è tenuta all’interno del meraviglioso Giardino Torrigiani.
Un giardino segreto nel cuore di Firenze ha infatti accolto i tanti ospiti del fashion show.
Prima un delizioso aperitivo bucolico tra le magnolie, i pini e i cipressi di questa location davvero suggestiva poi lo show firmato Monnalisa, che ha presentato davanti ad un parterre di 400 ospiti la sua nuova collezione.

Special guest dell’evento la top model ed ex angelo di Victoria’s Secret, Alessandra Ambrosio, e la figlia Anja.
Protagonista in pedana una selezione di outfit iconici della Spring-Summer 2020, tra look più romantici e più glamour. Ma ecco l’intervista a Diletta Iacomoni, fashion coordinator del brand. Continua a leggere

A Roma il caffè è sensoriale: arriva Profumo ed è un’esperienza unica

Un luogo magico ed incantato dove bere un caffè, mangiare qualcosa, scattare un selfie, ma soprattutto vivere un’esperienza meravigliosa. E’ questo e molto altro l’ultimo locale nato a Roma e che in pochi giorni sta facendo parlare di sé sempre più persone, tanto da diventare una tappa obbligata per turisti e non solo alla ricerca di qualcosa di nuovo.

A rendere unico Profumo, questo il nome del nuovo nato, è la proposta e il concept di chi lo ha ideato: un viaggio sensoriale che accompagna tutti gli ospiti in un percorso “olfattivo” tutto nuovo dove il gusto del buon bere e mangiare si mescola sapientemente con le quattro grandi famiglie olfattive: il dolce floreale, il toccante agrumato, lo sconfinato marino e il deciso speziato.

Una miscela esclusiva per il locale romano che combina tra loro menù, cocktail List, profumazione d’ambiente e allestimento Floreale. Quattrocento posti a sedere 10.000 mq di parco incantato, 4 fragranze, 150.000 fiori all’anno, e 14 top manager saranno gli elementi di una sola magnifica ed emozionante esperienza.

Come definire “Profumo”? Un Cocktail & Tapas Bar sensoriale, un luogo raffinato dove ogni giorno dalle 18.00 alle 02.00 le proposte food&beverage orchestrate da F & B manager Simone Braghetta e studiate dallo chef Marco Morello e il Bar Manager Flavio Esposito, accompagneranno il pubblico in un’esperienza di “food & cocktail pairing olfattivo” in uno scenario mozzafiato e un set musicale d’autore. Un percorso sensoriale di valorizzazione degli abbinamenti di cibo, cocktails, musica e fragranze, ideato dal direttore artistico Roberto Fantauzzi e dal food – manager Simone Braghetta.

Un menù e una bar list che saranno sviluppati secondo 4 percorsi, ognuno legato ad una “emozione olfattiva”. La musica, prima lounge e a seguire deep, suonata dallo storico Dj del Buddha Bar di Parigi Ravin completerà la scena di questo magico set.
Il menù (non suddiviso per portate ma per Famiglie Olfattive) presenterà: Un Crudo, un Primo, un Secondo, una Pinsa, un Dolce e un Cocktail. Uno per ogni “percorso sensoriale” nei mondi: Floreale, Agrumato, Marino e Speziato.

Ma il viaggio nel profumo qui è davvero a 360 gradi ed ecco allora che ogni Sabato mattina ad inebriare gli ospiti sarà il “Mercato dei Fiori” in collaborazione con la bravissima Flower Designer Federica Ambrosini che presenterà nel locale ogni settimana un allestimento floreale diverso. Le sue pareti floreali e i suoi allestimenti stanno conquistando l’Italia e non solo. Profumo sarà così anche l’occasione per vedere dal vivo le sue creazioni e scattarsi un selfie, come direbbero le influencer, assolutamente instagrammabile.

Profumo Caffé Sensoriale, sarà tra l’altro un marchio di alta profumeria. E’ stata creata infatti dal famoso naso Luciana Russo dell’antica Spezieria ed Erboristeria San Simone di Firenze, una linea personalizzata con 4 raffinatissime profumazioni d’ambiente rappresentative delle famiglie olfattive.

Profumo insomma è un grandissimo progetto, un’iniziativa che guarda al futuro, al desiderio di stupire, di coinvolgere e di regalare ai suoi ospiti un’esperienza unica. Vi prometto di raccontarvi la mia esperienza diretta prestissimo.