Forte Village: restyling per l’Acquaforte Thalasso Spa, un’eccellenza che nasce dal mare

C’è una Spa in Sardegna che è una vera e propria unicità.
Sto parlando dell‘Acquaforte Thalasso and Spa, all’interno del resort delle meraviglie, il Forte Village.
Era il 1984 quando Lord Charles Forte, allora proprietario del Forte Village, chiese al Dr. Angelo Cerina di pensare ad un progetto SPA che potesse diventare uno dei punti di forza del resort. All’epoca Cerina era inserito nel mondo del calcio dove uno dei trattamenti riabilitativi più utilizzati era la psammoterapia, di cui la talasso rappresenta un ramo delle attività curative che sfruttano i prodotti del mare a scopi preventivi e curativi. Iniziò così la sua ricerca, che non poteva non tener conto di un elemento fondamentale in quella zona: le acque del Mar di Sardegna e in particolare del Golfo di Santa Margherita di Pula. Si ispirò allora al procedimento delle Saline Conti Vecchi in provincia di Cagliari, mettendo a punto il brevetto che oggi rende unico il percorso dell’Acquaforte a livello internazionale.

Ma cosa rende unica la talasso dell’Acquaforte?
Il microclima del Forte
Tipico dell’area dove si trova il Forte Village è un microclima unico che porta ad avere una temperatura media di 3-4°C superiore rispetto alla città di Cagliari e alle zone circostanti. Qui il rapporto mare / clima permette di valorizzare al massimo i benefici curativi.

Negli anni sono venuti da tutto il mondo per provare gli effetti della Thalasso spa e la fama del Forte Village ha superato ogni confine geografico. Grazie all’intuizione di allora ma anche grazie alla capacità di rinnovare costantemente l’offerta di trattamenti e soluzioni dell’ Aquaforte.

Quest’anno ad accogliere gli ospiti del Forte ci sarà una Spa con una nuova veste, pur mantenendo intatte tutte quelle peculiarità che la rendono unica. Continua a leggere

Estate 2022: gli abiti da mettere in valigia per un look pazzesco

Tempo di vacanze. Tempo di valigia. Ma cosa portare con sé?
Iniziamo dagli abiti perchè quest’anno saranno i grandi protagonisti della moda estate. Come? Lunghi, corti, chemisier, in seta, in lino, tinta unita, fantasia, retrò, comodi, femminili, per ogni occasione.
Ecco qui la mia selezione degli abiti assolutamente da scegliere, per tutti i gusti, fisicità e occasioni d’uso, per queste vacanze.

Continua a leggere

La moda di quest’estate? Ce la racconta Sara Zucchini di Via Fratelli Lombardi 1

Qual è lo stato di salute della moda dopo due anni di pandemia? Come sta vivendo il Made in Italy questa nuova stagione? E quali saranno le richieste e le tendenze in vista dell’estate?
Per avere delle risposte chiare, specchio della realtà del mercato e dei suoi cambiamenti, serve il punto di vista di chi conosce davvero la moda, chi ha contatti con le aziende italiane e non solo, chi si confronta con altri mercati e ha una visione consapevole, attenta e competente della situazione.
Per questo ho voluto fortemente questa intervista a Sara Zucchini, non una semplice imprenditrice nel settore moda e accessori, ma una che ne sa e soprattutto che non ha paura di dire come stanno le cose.
A poche settimane ormai dall’inizio della stagione estiva, un periodo che già di per sé è interessante per i negozianti e le aziende, ma ancora di più dopo due anni di pandemia, Sara è pronta con il suo store Via Fratelli Lombardi 1 a conquistare le proprie clienti con una vastissima proposta di brand personalmente selezionati da lei.
E’ partito tutto tre anni fa dal negozio di Brescia, che si è subito distinto per la proposta mai scontata, di qualità e da intenditori, poi è stata la volta qualche mese fa di Forte dei Marmi, punto strategico delle estati italiane, e da lì Sara sta portando avanti con passione la sua idea di moda, la sua concezione di Made in Italy e di scelta consapevole di come vestirsi.
Ecco allora che tra tendenze, iniziative e qualche chicca da appuntarsi, Sara ha analizzato con il suo piglio deciso, attento e puntuale la situazione italiana oggi tra domanda, offerta, un Made in Italy da salvare e la scelta quotidiana di dire no al fast fashion, ad una moda di consumo e non di emozione.


Che primavera è per la moda italiana?

Ancora una volta una primavera piena di incognite ma indubbiamente con voglia di riscatto, bellezza, punti fermi e certezze.
E questo si respira sia nelle proposte dei brand che nelle scelte dei consumatori. Stavolta perfettamente allineate per quello che ho potuto notare.
Continua a leggere